PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Legambiente ER a Dosi e Molinari (Pd) “Fate chiarezza sul futuro dell’inceneritore”

Intervento di Legambiente Emilia Romagna chiede chiarimenti al sindaco di Piacenza, Paolo Dosi, e al segretario piacentino del Pd, Gianluigi Molinari, in merito al futuro dell’inceneritore di Tecnoborgo. 

Intervento di Legambiente Emilia Romagna chiede chiarimenti al sindaco di Piacenza, Paolo Dosi, e al segretario piacentino del Pd, Gianluigi Molinari, in merito al futuro dell’inceneritore di Tecnoborgo. 

Legambiente regionale chiede lumi sulle intenzioni delle amministrazioni locali in merito alla chiusura del forno inceneritore di Tecnoborgo. Lo fa con una lettera indirizzata al primo cittadino e al segretario piacentino del PD, in cui si evidenzia come la regione abbia espresso un’indicazione chiara sul forno di Piacenza.

 
Secondo Legambiente, il Piano Rifiuti, indica che si interrompa al 2020 il conferimento dei rifiuti urbani all’impianto Tecnoborgo, giudicando conclusa la funzione pubblica per cui era stato concepito; questo grazie all’aumento della raccolta differenziata e  alle azioni di prevenzione previste dal Piano. Il Piano mette quindi  il territorio locale di fronte alla possibilità di chiudere l’impianto o di mantenerlo aperto a mercato per bruciare rifiuti speciali, in un’ottica di puro business, e aprendo a rifiuti che probabilmente dovranno venire anche da lontano.
Con il collegamento al teleriscaldamento dell’impianto, proposto da Iren di recente, è evidente che si sta pensando ad un utilizzo del forno per oltre un decennio. Preoccupante il fatto che le amministrazioni locali sembrino orientate a concedere tale autorizzazioni e quindi di fatto a sposare l’ipotesi di usare l’impianto ad oltranza a scopo economico. Un orientamento che non avrebbe alcuna giustificazione pratica e ambientale, ma dettato esclusivamente dal fatto che per il Sindaco prevalga l’ottica dell’azionista dell’azienda piuttosto di quella dell’amministratore del bene pubblico.
 
Visto che la Regione, che è retta dalla stessa maggioranza del Comune, sembra esprimere un indirizzo preciso sul destino del forno, stando alla nota stampa del sottosegretario Bertelli che parla espressamente di “cessazione di attività”, Legambiente chiede di sapere se la maggioranza che governa Piacenza si identifica in tale posizione o se sia in disaccordo.
 
“E’ necessario che la politica locale si esprima chiaramente sul futuro dell’inceneritore. – dice Lorenzo Frattini, presidente Legambiente Emilia Romagna – Non vorremmo si creasse una voluta ambiguità di competenze atta a confondere le idee, che aumenterebbe ancora di più il solco che separa oggi i politici dai cittadini”.
 
E’ evidente che l’associazione ritiene necessario e corretto andare alla chiusura dell’impianto per non alimentare una sovrabbondanza di impianti che non sarebbe giustificata dalle esigenze del territorio. Resta inteso, inoltre, che le amministrazioni devono sentirsi fin da subito impegnate nell’obiettivo di raggiungere e superare il 70% di RD e avviare politiche strutturali di tariffazione puntuale. In assenza di questo impegno sarebbe chiara la volontà di lasciare il Piano e la dismissione degli impianti solo sulla carta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.