PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Michele Serra e quella tessera Anpi (di Piacenza) restituita

Michele Serra dedica la sua Amaca di oggi sul quotidiano "Repubblica" al suo rapporto con l'Anpi, l'associazione nazionale partigiani d'Italia. Comunicando la sua volontà di restituire la tessera sottoscritta alla sezione di Piacenza

Più informazioni su

Michele Serra dedica la sua Amaca di oggi sul quotidiano “Repubblica” al suo rapporto con l’Anpi, l’associazione nazionale partigiani d’Italia. Comunicando la sua volontà di restituire la tessera sottoscritta alla sezione di Piacenza.

Michele Serra, “iscritto all’Anpi, tessera n 69163, sezione di Piacenza, la presi al termine di una bella manifestazione pubblica nel 2011, piena di ragazzi”, scrive il giornalista e scrittore nel suo spazio quotidiano, ricordando questo incontro a S.Ilario.

“Già durante la campagna referendaria mi sono chiesto se la natura unitaria dell’Anpi non fosse messa a dura prova dal ferreo schierarsi del suo gruppo dirigente  a favore del No e contro il Sì”, afferma Serra.

“Ora l’Anpi, sull’abbrivio del successo del No, spedisce ai suoi iscritti lettere dei ‘Comitati del No’ nelle quali si annunciano nuove mobilitazioni contro alcuni provvedimenti del governo Renzi. Questo si chiama: uso indebito della propria funzione“.

Serra dunque annuncia: “Dopo aver pagato i bollini dal 2013 al 2016 (sono moroso per mia negligenza) restituirò la tessera. Peccato, è tricolore e credevo rappresentasse l’antifascismo, non una corrente di partito“.

E non manca un post scriptum: “Avrei preso la stessa identica decisione se avessi votato No al referendum; o se l’Anpi assumesse posizioni filogovernative”.

LEGGI LA SUA “AMACA”


 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.