PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Da Piacenza a Mosca, Mossi e Villa Tavernago brindano a Prodexpo

Enoteca Regionale Emilia Romagna continua a promuovere il territorio vinicolo della regione prendendo parte, insieme alle aziende associate, a numerosi incontri fieristici e commerciali in tutto il Mondo.

Più informazioni su

Enoteca Regionale Emilia Romagna continua a promuovere il territorio vinicolo della regione prendendo parte, insieme alle aziende associate, a numerosi incontri fieristici e commerciali in tutto il Mondo.
 
Il 2017 si aprirà con la fiera Prodexpo, che si terrà a Mosca dal 6 al 10 febbraio.

Prodexpo è la più grande fiera internazionale di prodotti alimentari, bevande e materie prime per il mercato russo e dell’Est Europa. Lo scorso anno più di 1.900 espositori provenienti da 67 paesi hanno preso parte alla ventitreesima edizione della manifestazione, che si è chiusa con un grande successo di pubblico: oltre 54.000 operatori del settore provenienti sia dalla Russia sia da diversi altri Paesi hanno infatti partecipato alla fiera.
 
Enoteca Regionale Emilia Romagna rappresenterà la regione a Prodexpo nel Padiglione 2 – Hall 3, Stand 23C16.

Il Gruppo Cevico (Lugo, Ravenna) sarà presente con uno stand proprio, mentre al banco d’assaggio istituzionale di Enoteca Regionale sarà possibile degustare i vini di: Mossi (Ziano Piacentino, Piacenza), Tenuta Villa Tavernago (Pianello di Valtidone, Piacenza), Cantine Ceci (Torrile, Parma), Donelli Vini (Gattatico, Reggio Emilia), Tenuta Galvana Superiore (Castelvetro di Modena, Modena), Cantine Sgarzi (Castel San Pietro Terme, Bologna), Casa Vinicola Poletti (Imola, Bologna), Fattoria Zerbina (Marzeno di Faenza, Ravenna), Torre San Martino (Modigliana, Forlì-Cesena), Condè (Fiumana di Predappio, Forlì-Cesena), San Patrignano (Coriano, Rimini).
 
Gli scambi commerciali fra Russia e Italia, negli ultimi anni, hanno subito un forte arresto a causa della crisi economica che ha colpito la nazione. Nonostante ciò, l’import di prodotti agroalimentari non ha subito particolari variazioni continuando a essere un settore attivo, che resta dominato dalle importazioni di vino. I dati diffusi dal Ministero degli Affari Esteri confermano la leadership assoluta dell’Italia, soprattutto per quanto riguarda l’export di vini imbottigliati. Nella prima metà del 2016 l’Italia ha infatti esportato un valore superiore a 60 milioni di euro, registrando un aumento dell’8,9% rispetto al periodo precedente.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.