PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le Rubriche di PiacenzaSera.it - Le Recensioni CJ

Il nuovo disco “nero” dei Depeche Mode, la recensione di PcSera

Anche stavolta pennellano un disco assolutamente nero, nero come gli anfibi in marcia in copertina, e come quelle inquietanti bandiere

Più informazioni su

DEPECHE MODE
“Spirit” – 2017
 

Paint it black, cantavano gli Stones

I Depeche Mode sono da sempre tra i più abili in quest’arte. Anche stavolta pennellano un disco assolutamente nero, nero come gli anfibi in marcia in copertina, e come quelle inquietanti bandiere. La svolta blues del recente Delta Machine – che cosa c’è piu nero del blues? – è solo un ricordo.

“Spirit” rientra a pieno titolo nella tradizione della band, quel synth pop delle venature dark e dall’atmosfera cupa che ha fatto la loro fortuna.

Ma sotto la vernice nera, stavolta, sembra esserci un pugno di canzoni ordinarie. Il singolo “Where is the revolution”, per esempio: tra i più deboli della loro carriera ultra ventennale. O l’incipit di “Going backwards”, il brano più politico insieme a “The worst crime”, con parole che sembrano chiacchiere da bar (“Armed with new tecnology/Going backwards/To s caveman mentality”). Le cose più belle sono le chitarre sullo sfondo di “So much love” e la finale “This is the last time”, oltre al kraut raffinato di “Cover me”.

Voto: 5

@GiovanniMenzani

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.