PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Pd presenta le 3 candidate “Donne con grande esperienza amministrativa” foto

“Dal Dire al fare”: il Pd provinciale di Piacenza ha aperto la sua campagna elettorale con una conferenza programmatica tenutasi alla Volta del Vescovo.

Un momento di confronto che ha offerto la possibilità di presentare le 3 donne Dem che rappresenteranno Piacenza alle elezioni del 4 marzo.

Le liste del Pd (in aggiornamento)

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e commissario per la ricostruzione del terremoto Paola De Micheli è candidata nel listino plurinominale della Camera (con Parma e Reggio) al secondo posto dopo il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, in posizione di assai probabile elezione.

Il sindaco di Gragnano Patrizia Calza sarà schierata nel collegio uninominale della Camera che coincide con la provincia di Piacenza.

Nel collegio del Senato, comprendente la provincia di Piacenza e una porzione della provincia di Parma (esclusa la città) sarà in corsa l’attuale assessore regionale Paola Gazzolo.

Nella squadra dem anche il parlamentare uscente Marco Bergonzi inserito nel listino proporzionale del Senato in quarta posizione, con probabilità scarse di elezione.

“La rosa segnalata al partito da Piacenza era di alto livello, e l’incidenza del territorio era importante ma non decisiva – afferma il segretario Pd Silvio Bisotti -. Sono state scelte 3 donne con grande esperienza amministrativa. Sono state sacrificate altre figure, ma è un prezzo che si paga per una questione di equilibrio.

L’auspicio è che si parta con una campagna elettorale efficace, senza promesse irrealizzabili ma attraverso l’affermazione della cultura di governo”.

“E’ stata una sorpresa – dice Paola Gazzolo – avevo dichiarato la mia volontà di continuare a fare l’assessore regionale, ma la richiesta insistente di candidarmi mi ha lusingato e credo che abbia espresso la volontà del partito di premiare il territorio. Siamo tre donne che hanno dimostrato di avere determinazione e capacità sul campo. Faremo gioco di squadra e avendo detto sì, darò il massimo impegno”.

“La vita riserva tante sorprese e questa la è stata – commenta Patrizia Calza -. Avevo dato la mia disponibilità ma non pensavo a questa conclusione. Ho accettato per due ragioni, per il rispetto delle istituzioni e perché anche solo la candidatura è un onore, devo dire grazie anche ai circoli democratici. Sono parte di una squadra e accettare è stato un atto di rispetto anche al prezzo di qualche rischio. È una battaglia difficile, senza paracadute, ma è giusto farla”.

“Sono reduce da una discussione molto accesa in direzione nazionale – conclude Paola De Micheli – ma occorre considerare che siamo un partito con gruppi parlamentari uscenti molto numerosi e il cambio di legge elettorale ha determinato la diminuzione dei posti sicuri.

Ma non credo ci siano posti sicuri ed è sbagliato dare per scontato il risultato. È stato giusto scegliere persone molto radicate nei collegi dove la contesa non sarà facile, siamo persone delle istituzioni ancora prima che di partito”.

“Il valore aggiunto delle nostre tre candidature è che siamo dentro, mani e piedi, nella piacentinità e le persone hanno potuto constatare che quando ci sono problemi, noi ci siamo e non ci tiriamo indietro, questo è l’aspetto fondamentale con cui richiameremo i nostri sostenitori. Noi abbiamo fatto cose e lo possiamo rivendicare”.

“Manterrò il mio impegno di commissario per a ricostruzione e sarò allo stesso candidata di parte a Piacenza, questa per me è una grande responsabilità”.

Il post su Instagram di Paola De Micheli

La candidatura alla Camera a casa mia, in #Emilia, è un riconoscimento importante dal mio partito, il #Pd, per il lavoro svolto con impegno e senza risparmio nei 10 anni trascorsi in Parlamento. Spero di poter ripagare a pieno questa grande fiducia. Ora ci sono poco più di 30 giorni di campagna elettorale da vivere intensamente e pericolosamente: occorre dare una mano prima di tutto al nostro paese. Noi tre candidate piacentine con Paola Gazzolo e Patrizia Calza siamo tutte donne delle istituzioni: in questi anni non abbiamo mai avuto paura di lavorare anche con gli altri partiti, perché abbiamo sempre privilegiato il bene della comunità. Siamo un concentrato di energia difficile da emulare, tre persone che hanno fatto cose concrete e davanti ai problemi hanno sempre messo faccia. Per questo ce la metterò tutta. Ce la metteremo tutta. @pdpiacenza @partitodemocratico

Un post condiviso da Paola De Micheli (@paolademicheli) in data:

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da veronica

    “……felicità: é un bicchiere di vino, con un panino………la felicità……..”, ma io non ho mai avuto aspirazioni per la politica (mi sentirei preoccupata……..preoccupata di far bene, di non deludere gli eventuali elettori…..) Eh, ma il mondo è bello , ” è bello perchè è vario “