PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pupi Avati, Gianni Vattimo e Natalia Aspesi parleranno de “Il Futuro del Sessantotto”

A distanza di 50 anni da un’epoca che rivoluzionò il mondo la Fondazione di Piacenza e Vigevano organizza un ciclo di appuntamenti dedicati a ‘Il Futuro del Sessantotto’. Il programma è stato presentato dal presidente della Fondazione, Massimo Toscani, e dai consiglieri Alberto Dosi e Giorgio Milani.

Un’epoca che sarà rievocata attraverso i cambiamenti della cultura, dell’arte e della politica di quegli anni, non con un intento meramente celebrativo, sottolinea il presidente della Fondazione, ma sguardo obiettivo, per capire quanti di quegli ideali siano ancora attuali e soprattutto se quello che stiamo vivendo sia un nuovo Sessantotto.

Tra gli ospiti della rassegna Paolo Mieli (evento di apertura, il 21 marzo) con Uliano Lucas, Mogol (5 aprile) e Mario Luzzato Fegiz (28 marzo) Pupi Avati (8 aprile), Michelangelo Pistoletto (19 aprile), Natalia Aspesi (12 aprile), Lea Melandri (4 maggio), Giuliano Ferrara (8 maggio) e Gianni Vattimo l’11 maggio. Tutti gli incontri si terranno in Auditorium, alle 21, a ingresso gratuito.

Grande chiusura il 31 maggio, con il convegno ‘Sessantotto. Accadde a Piacenza’. In Auditorium i rappresentanti del mondo sociale e culturale di Piacenza, per ricordare che cosa avvenne in città.

Tra gli eventi collaterali figura la mostra ‘Immagini dal Sessantotto’, dedicato alle foto di Uliano Lucas, dal 21 marzo all’11 maggio a palazzo Rota Pisaroni, mentre il 25 maggio ai Teatini si terrà il concerto del ‘Divertimento Ensemble’.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.