PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Piani urbanistici e spazi aperti nel mondo”, conferenze al Politecnico

Più informazioni su

A Piacenza un ciclo di conferenze internazionali sul tema: “Piani urbanistici e spazi aperti nel mondo” al Politecnico di Milano sede di Piacenza – mercoledì 18 aprile e 2-9-16 maggio ore 10,30

Il 18 aprile 2018, nella sede di Piacenza del Politecnico di Milano (ex Caserma della neve, via Scalabrini 76, aula C, ore 10:30), si terrà la prima conferenza internazionale del ciclo Piani urbanistici e spazi aperti nel mondo. Sarà il professor Renato Luiz Sobral Anelli, dell’Istituto di architettura e urbanistica dell’Università di San Paolo del Brasile, a parlare della metropoli brasiliana e dei suoi piani urbanistici, con una particolare attenzione alla definizione e progettazione degli spazi aperti nella condizione contemporanea di cambiamenti climatici e crisi economica e politica.

IL TEMA – L’intero ciclo di conferenze affronta i temi della progettazione degli spazi aperti nella pianificazione urbanistica in grandi città nel mondo. Non solo in Italia il progetto urbanistico, abituato a progettare la crescita (nuove case e capannoni), deve oggi affrontare compiti nuovi, capaci di rimettere in gioco diversamente le risorse territoriali esistenti (capannoni dismessi, case sfitte, aree inondabili, campi incolti, aree urbanizzate abbandonate) senza consumare ulteriore suolo agricolo e cercando di agire nel rispetto della sostenibilità ambientale, economica e sociale, attenti alla resilienza e all’ adattività delle comunità locali.

Il ciclo di conferenze mette al centro del progetto urbanistico gli spazi aperti perché solo in questo modo contribuisce a migliorare le prestazioni ambientali ed ecologiche ineludibili nell’era del cambiamenti climatici, perché gli spazi aperti sono i luoghi privilegiati dove si svolge la vita sociale e delle comunità, e perché sono ancora strade, piazze, parchi, giardini, slarghi e parcheggi a dare senso e qualità alla città e ai territori frammentati contemporanei.

Dopo San Paolo del Brasile, gli incontri aperti al pubblico e tutti in italiano, mostreranno: progetti innovativi di spazi aperti contemporanei a Copenhagen e Berlino, grazie al contributo di Martin Rein-Cano dello studio Topotek1, uno dei più importanti progettisti a livello mondiale (2 MAGGIO 2018), alcune realizzazioni del Piano strutturale comunale (PSC) di Bologna e altri strumenti di pianificazione ambientali di livello europeo realizzati dall’amministrazione capoluogo di regione, grazie al contributo di Valentina Orioli, assessore all’urbanistica del Comune di Bologna (9 MAGGIO 2018). Chiude il ciclo Matteo Motti, giovane progettista di Openfabric (Milano-Rotterdam) che, con il gruppo OSA dell’Università di Lovanio in Belgio, ha sviluppato interessanti progetti territoriali di riciclo nelle Fiandre in Belgio (16 MAGGIO 2018)

Il ciclo, curato da Marco Mareggi, coordinatore del Laboratorio di urbanistica al Politecnico di Milano, sede di Piacenza, è realizzato in collaborazione con Urbanistica, la rivista storica dell’INU (Istituto Nazionale di Urbanistica) e la rivista on line Planum. The Journal of Urbanism.

Si ricorda che gli appuntamenti si terranno mercoledì 18 aprile e il 2, 9 e 16 maggio 2018, ore 10:30 – 13:00 e avranno luogo nell’Aula C dell’ex-Caserma della Neve, Politecnico di Milano, sede di Piacenza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.