PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le Rubriche di PiacenzaSera.it - Economix

Pubblicità e “vampiri virali”, il piacentino Guglielmoni in cattedra in Cornovaglia

“State a sentirli, i figli della notte! Questa è la loro musica!”. Con queste parole, Jonathan Harker, il protagonista “positivo” del romanzo di Bram Stoker, ci introduce all’incontro con il Conte Dracula, il vampiro più famoso della letteratura orrorifica mondiale; il mostro che il giovane avvocato Harker si accingerà a sconfiggere.

Il piacentino Paolo Guglielmoni, come un rinnovato Jonathan Harker, combatte contro mostri generati dalla modernità: i “vampiri virali”.

Il vampiro virale in Cornovaglia – Paolo, in effetti, non smette mai di stupirci. Dopo la realizzazione dello spot pubblicitario del liquore più apprezzato al mondo, stiamo parlando del marchio “DiSaronno” – spot apparso nel Natale scorso nei billboard di Times Square a New York – Paolo è stato invitato in qualità di “Lecturer” a tenere un ciclo di lezioni da una delle più prestigiose Università britanniche in discipline artistiche: l’Università di Falmouth, in Cornovaglia.

Ciò che ha incuriosito gli omologhi britannici di Paolo della facoltà di Fashion Advertising, è la teoria da lui elaborata sui cosiddetti “vampiri virali”. La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, – spiega Paolo – e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio. Questi contenuti sono vampiri virali: contenuti la cui viralità dissangua la brand e il suo messaggio”.

Quante volte in effetti ci è capitato di vedere delle pubblicità in televisione e di non aver assolutamente compreso quale fosse il prodotto reclamizzato. Per riconoscere e combattere questi vampiri virali, Paolo Guglielmoni ha elaborato una serie di regole creative, che sono alla base del suo corso sulla creatività virale alla Nuova Accademia di Belle Arti (NABA) di Milano.

L’intervista

Paolo, come si possono riassumere queste regole creative?

La leva virale, che sia umoristica o che sia shock, deve essere sempre un trigger che fa scattare in modo semplice e memorabile il messaggio della brand.

Ci puoi fare un esempio?

L’esempio più recente è la campagna social media che ho realizzato per Yves Rocher Italia.

In che cosa consiste questa campagna?

Yves Rocher crede nella naturale espressività del volto femminile: nelle centinaia di sfumature emotive che la pelle di un viso femminile è in grado di esprimere.

E quindi nella necessità di mantenerlo costantemente idratato.

Esatto. Yves Rocher ha creato un nuovo prodotto idratante. E per reclamizzarlo abbiamo pensato di coinvolgere due bellezze nostrane: Tess Masazza, youtuber di successo, e Giulia Valentina, “instagram celebrity”.

Cosa avete combinato con le due star internazionali dei social web?

Le abbiamo invitate a vedere scene di film particolarmente intensi, da commentare solo con le espressioni del viso. Durante le riprese le due web talent sono state coinvolte in piccoli e imprevedibili incidenti da set: per mostrare davvero tutte le espressioni, anche le più involontarie, comiche, ed estreme, di cui il volto femminile è capace.

E il risultato finale qual è stato?

Lo si può comprendere dal video che abbiamo realizzato del set (link: https://youtu.be/qAe0VgWtXw4). L’obiettivo che ci siamo dati è di arrivare a sottolineare il claim finale: “Centinaia di espressioni, una sola pelle”.

Ho visto il video. Stupendo. Anzi divertente. Praticamente è il prodotto finale del vostro lavoro.

La cosa davvero gratificante è stata la fiducia del cliente. Perché è questo che manca, oggi. Invece, quando il cliente si fida delle competenze dei suoi consulenti, allora nascono progetti divertenti da realizzare, ed efficaci. Considera che il video ha totalizzato, solo nelle prime 4 ore su instagram, oltre 100.000 views, e la maggior parte dei commenti degli utenti riguardavano proprio Yves Rocher e le espressioni delle web talent.

Paolo ci ha messo di fronte ad un esempio di come si può fare buona comunicazione, evitando di far dimenticare il prodotto reclamizzato.

Paolo, insomma, siamo veramente di fronte ad un redivivo Jonathan Harker, alla ricerca di moderni vampiri da sconfiggere?

Può essere. Con una stilografica al posto del paletto di frassino!

Andrea Lodi (economix@piacenzasera.it)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.