PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La musica di Beethoven chiude la rassegna “Napoleone Wargame” foto

Più informazioni su

Dopo il successo della cena a tema ospitata nei giorni scorsi presso la Corte Biffi, si è tenuto nel fine settimana l’evento conclusivo della rassegna “Napoleone Wargame, il prezzo del trionfo”, organizzata dall’assessorato alla Cultura in collaborazione con la delegazione di Piacenza della “Gebetsliga Carlo D’Asburgo”.

Nel pomeriggio di sabato 12 maggio, l’auditorium “Annalisa Mannella” del Conservatorio Nicolini è stato infatti teatro del concerto “Beethoven tra gli Asburgo e Napoleone”, con un programma musicale strettamente correlato al tema dell’insorgenza antinapoleonica e controrivoluzionaria. Sono state eseguite tre pagine particolarmente esemplificative del rapporto conflittuale che Ludwig van Beethoven ebbe con il condottiero francese: all’iniziale, entusiastica adesione ai progetti politici napoleonici, seguì da parte del compositore una presa di distanza, nonché una critica esplicita a quello che considerava un tradimento della causa rivoluzionaria e l’affermazione di una nuova tirannide.

Il concerto è stato introdotto dalla presentazione storico-musicologica a cura di Mariateresa Dellaborra, cui hanno seguito la Sonata op. 26 in la bemolle maggiore eseguita da Corinna Soressi, le 32 variazioni in do minore proposte da Francesco Mugavero e il Trio in si bemolle maggiore op. 11 per clarinetto, violoncello e pianoforte, conosciuto anche come “Gassenhauer”, interpretato da Miljan Minic, Simone Ceppetelli, Vohla Karyzava.

L’assessore alla Cultura Massimo Polledri sottolinea “il successo della rassegna “Napoleone Wargame, il prezzo del trionfo” che, tra conferenze, spettacoli, ricostruzioni storiche in costume e momenti di grande suggestione come la cena della scorsa settimana alla Corte Biffi, ha proposto un ventaglio di iniziative particolarmente importanti, culminate nel concerto di sabato scorso. Ringrazio il Conservatorio Nicolini per la preziosa collaborazione nel realizzare un evento di così alto profilo e tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita di una manifestazione che ha registrato grande interesse e affluenza di pubblico”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.