PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Progettare e costruire un orto urbano: inaugurato a Spazio 2 “Orti Spaziali” foto

Individuare e affinare un metodo di rigenerazione partecipata di uno spazio urbano, costruire un modello replicabile di gestione dello stesso, andando a creare una rete di comunità composta da cittadini attivi: questi sono i presupposti alla base di “Orti spaziali” – laboratorio di progettazione e costruzione di un orto urbano condiviso – inaugurato ufficialmente sabato 12 maggio a Piacenza all’interno dei cortili di Spazio 2, in concomitanza con l’evento “Borderline”, una serata dedicata all’incontro con diverse realtà che operano nel settore dei viaggi e studio all’estero.

IL PROGETTO – Nato da un’idea dell’associazione Rivularia e del Collettivo Praxis, i cui membri si sono occupati di coordinare il laboratorio, Il progetto – a cui hanno aderito 6 giovani coppie, oltre ai ragazzi della cooperativa sociale CoopSelios – partendo dal modello ormai sempre più diffuso dell’orto in città non si è limitato alla semplice distribuzione di un appezzamento di terreno coltivabile, ma ha puntato ad aggiungere a questa pratica idee ed elementi innovativi.

L’intero processo di realizzazione dell’orto – dall’organizzazione degli spazi, alla costruzione, fino alla fruizione finale – ha infatti puntato a un coinvolgimento diretto di ogni partecipante; le loro idee, le loro proposte e i loro bisogni hanno permesso di rivitalizzare uno spazio inutilizzato, fornendo al contempo un esempio concreto di cittadinanza partecipata.

L’intero laboratorio si è strutturato in tre fasi. Una prima fase, svoltasi tra novembre e dicembre 2017, è stata destinata alla co-progettazione; la seconda fase (gennaio – aprile 2018) ha visto i partecipanti al progetto impegnati nella costruzione dei vari elementi dell’orto – sia degli appezzamenti rialzati di terra sia di tutte quelle strutture utili al buon funzionamento dello spazio: compost, capanno attrezzi, pergole, area relax- mentre la terza ed ultima fase, cominciata una volta ultimati i lavori, prevede la gestione presente e futura dell’orto.

Il progetto è stato finanziato sia da Spazio 2, sia grazie ai fondi ottenuti dal Bando Giovani Progetti 2018 indetto dal comune di Piacenza. Parte dei materiali, inoltre, sono stati forniti dall’azienda Vigorplant, specializzata nella produzione di terricci.

LE ASSOCIAZIONI – Praxis e Rivularia sono due associazioni piacentine nate nel 2016 unite dall’obiettivo di mettere in atto un approccio creativo di rigenerazione urbana, mirante ad infondere rapidamente energia a singoli punti della città aprendoli a nuove possibilità attraverso la progettazione e costruzione partecipata. Tra i lavori più significativi realizzati dai due gruppi si segnala in particolare il progetto “Building Commun(c)ities”, workshop di progettazione e auto – costruzione di un’architettura errante, realizzato grazie alla vittoria del “Bando Giovani Progetti”, indetto dal comune di Piacenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.