PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Eco di silenzio”, la pittrice piacentina Chiappini in mostra a Albissola Marina

La galleria Bludiprussia di Albissola Marina (Savona) presenterà a partire dal 16 giugno una mostra personale di dipinti della pittrice piacentina Alessandra Chiappini intitolata “Eco di silenzio” ed incentrata sulla sua recente produzione artistica. Si tratta di paesaggi che tendono all’astrazione attraverso una stratificazione di elementi materici.

Afferma Cristina Rossi nel catalogo: “La componente simbolica che connota fortemente la pratica del lavoro di Alessandra Chiappini, ha condotto l’artista a maturare un linguaggio pittorico intriso di influenze letterarie, di letture filosofiche sedimentate e traslate nella pittura”.

Conoscenza razionale, saggezza trascendentale, sapienza nel mestiere producono una stratificazione di immagini, paesaggi, dove il fluire del tempo, la luce della solitudine, il silenzio danno vita a colori senza tempo. Chiappini non dipinge il paesaggio, te lo lascia immaginare, per averlo vissuto lei stessa prima ancora di averlo eseguito, evocando così una sorta di regno dello spirito calato in un contesto totalmente contemporaneo, dove passato e presente si compenetrano senza conflitto tra natura e storia, tra sacro e profano.”

Per l’occasione è stato pubblicato un catalogo in formato palmare con una breve nota della curatrice della mostra Paola Grappiolo, nella quale si legge: “Quando a parlare sono gli occhi e il cuore” non è necessaria alcuna parola. Cosi Alessandra Chiappini trasmette le emozioni coltivate fra l’altro nella sua passione e esperienza di camminatrice in montagna idealizzando quei luoghi in desolati e deserti ammassi rocciosi. L’esposizione ad Albissola Marina, ridente località balneare, potrebbe apparire contrastante con i soggetti rappresentati nelle sue tele ma non con il nostro mondo interiore. L’eco, come un richiamo al silenzio, è una percezione, una necessità, avvertibile in qualsiasi luogo quando riflette, con stupore, il compenetrarsi dell’uomo con la natura”.

Sul catalogo è anche inserito un testo critico di Cristina Rossi: “Dopo gli studi a Brera con Paolo Baratella, Alessandra Chiappini ha maturato un percorso creativo, coerente, privo di sussulti, verso una progressiva astrazione della forma.  Non solo, la componente simbolica che connota fortemente la pratica del suo lavoro, ha condotto l’artista a maturare un linguaggio pittorico intriso di influenze letterarie, di letture filosofiche sedimentate e traslate nella pittura”.

“Conoscenza razionale, saggezza trascendentale, sapienza nel mestiere producono una stratificazione di immagini, paesaggi, dove il fluire del tempo, la luce della solitudine, il silenzio danno vita non più alle terre rosse, agli ocra del deserto di Wadi Rum in Giordania ma a colori senza tempo, che stemperano sul fondo bianco una gamma di azzurri, di grigi. In altre opere affiorano allusioni velate alla figura, consistenti grumi di materia, tracce di colore, sedimenti naturali come in Ceppi di tempo disseccati, Casa solo nel vento, Perdersi e ritrovarsi”.

“Chiappini non dipinge il paesaggio, te lo lascia immaginare, per averlo vissuto lei stessa prima ancora di averlo eseguito, evocando così una sorta di regno dello spirito calato in un contesto totalmente contemporaneo, dove passato e presente si compenetrano senza conflitto tra natura e storia, tra sacro e profano”.

La mostra, che gode del patrocinio del comune di Albissola Marina, sarà presso il centro artistico e culturale Bludiprussia in Piazza Nicolò Poggi / Vico Chiuso nella stessa Albissola, sarà aperta fino al 30 giugno.

Alessandra Chiappini, nota pittrice piacentina è attiva da alcuni decenni ed ha una carriera artistica di tutto rispetto: Diplomata con lode alla Accademia di belle arti di Brera, ha partecipato a mostre collettive e personali in diversi paesi, dall’Italia, all’Austria, alla Germania, al Canada e al Giappone.

Ha organizzato e condotto diversi cicli di conferenze sull’arte contemporanea. È nipote dell’architetto Pietro Berzolla, noto a Piacenza e Parma a partire dagli anni venti del secolo scorso. È docente di disegno e storia dell’arte presso il Liceo Gioia di Piacenza. Maggiori informazioni sul sito dell’artista www.chiappini.net.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.