PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Convegno cannabis, Rabuffi e Mainardi: “Le amministrazioni di Piacenza e Fiorenzuola hanno preso allucinogeni?”

Più informazioni su

L’intervento di Luigi Rabuffi – consigliere comunale Piacenza in Comune e Nando Mainardi – consigliere comunale Sinistra per Fiorenzuola sul convegno sulla cannabis in programma nei prossimi giorni a Piacenza

IL TESTO – Vedendo il programma del “convegno” organizzato dalle Amministrazioni di Piacenza e di Fiorenzuola sulla “Cannabis, erba della morte“, sembrerebbe che gli esponenti di tali Giunte siano state riforniti da un pusher di sostanze ben più pesanti e allucinogene.

Basti pensare che, tra i principali interventi previsti, è annunciato quello di Simone Pillon, parlamentare leghista che si è distinto all’inizio di questa legislatura per avere dato vita a un’iniziativa parlamentare contro i docenti di una scuola primaria bresciana, accusati di insegnare la stregoneria.

La confusione, relativamente al “convegno” in oggetto, rispetto al ruolo e al campo di azione delle istituzioni locali è massima: si tratta di un’iniziativa puramente ideologica e oscurantista, molto più simile a un dibattito direttamente organizzato dall’estrema destra.

Nulla vieta ovviamente, anzi, che i Comuni organizzino iniziative sulle dipendenze vere ed effettive – altro che cannabis – ma invitando coloro che lavorano e agiscono sul campo; si occupano professionalmente di tali aspetti. O iniziative su come si contrastano le mafie criminali che vivono anche sullo spaccio. Professionalità e competenze che non mancano, neppure peraltro, negli organici degli enti pubblici locali e nell’associazionismo presente sul nostro territorio. Altro che Foti, Polledri e Zandonella!

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.