PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“L’erba della morte”, convegno sulla cannabis il 23 luglio

Più informazioni su

“L’erba della morte: la Cannabis Aspetti medici e legislativi”, questo il titolo del convegno patrocinato dal Comune di Piacenza. L’appuntamento si terrà lunedì 23 Luglio, ore 21, nell’Auditorium S.Ilario a Piacenza.

L’evento vedrà la partecipazione di Luca Zandonella Assessore alla Sicurezza e Giovani, Massimo Polledri, Assessore alla Famiglia, il senatore Simone Pillon, Capogruppo Commissione Giustizia. Interverrà anche il presidente della commissione servizi sociali, Carlo Segalini.

Una mamma darà la propria testimonianza, saranno presenti anche i parlamentari: Pietro Pisani, Tommaso Foti, Elena Murelli.

Ecco la locandina convegno 23 luglio 2018

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Editore

    Quello da noi riportato non è ne’ inventato ne’ volutamente esagerato: è il titolo di un convegno che vede il patrocinio dei Comuni di Piacenza e Fiorenzuola, presentato in conferenza stampa dagli stessi assessori.

  2. Scritto da Tfyqa Organizd Technikal Troubles

    Ricordo, agli organizzatori e ai redattori, il seguente articolo del Codice Penale:

    _Pubblicazione o diffusione di notizie false o esagerate

    Chiunque pubblica o diffonde notizie (1) false, esagerate o tendenziose, per le quali possa essere turbato l’ordine pubblico, è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato [265, 269, 501, 658] (2), con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a trecentonove euro.