PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cambio al vertice del Demanio, Reggi: “E’ stato un onore”

Più informazioni su

Cambio ai vertici dell’Agenzia delle Entrate, delle Dogane e del Demanio.  Lo ha annunciato al termine di un vertice dei ministri economici del Governo il vicepremier Luigi Di Maio con un post su Facebook.

Il direttore dell’Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini sarà sostituito dal generale della guardia di Finanza Antonino Maggiore. Via anche i responsabili dell’Agenzia delle Dogane e dell’Agenzia del Demanio, dove arrivano Benedetto Mineo e Riccardo Carpino.

Carpino subentra dunque a Roberto Reggi, ex sindaco di Piacenza, che ricopriva la carica di direttore dell’Agenzia del Demanio dal settembre del 2014.

Il suo commento è affidato a un Tweet e a un post su Facebook

Carpino, 61 anni e originario di Catania, è stato fino a oggi Commissario straordinario per la realizzazione degli interventi infrastrutturali e di sicurezza. Dal 2008 al 2011 è stato Capo di Gabinetto del Ministro per i rapporti con le Regioni, il turismo e lo sport.

“Maggiore è un nome di garanzia, di grande esperienza e di onestà, che mi riempie di orgoglio”, scrive su Facebook il vicepremier Luigi Di Maio.

Per quanto riguarda Mineo e Carpino, Di Maio ha scritto: “I due amministreranno le due agenzie non come un bancomat della politica, ma avranno un ruolo ad esempio nella lotta al gioco d’azzardo”.

Demanio: il Pd ringrazia Roberto Reggi – La nota stampa

“Il tuo lavoro è stato prezioso per il Paese e per Piacenza”

La notizia dell’avvicendamento alla Direzione del Demanio di Roberto Reggi con il prefetto Riccardo Caprino ha suscitato vasta eco a Piacenza. Rinnovato nell’incarico triennale dal settembre 2017 il mandato si sarebbe “naturalmente” concluso nel 2020.

“L’operato di Roberto Reggi come Direttore dell’agenzia del Demanio ha raggiunto lusinghieri risultati in tutto il Paese, ma per Piacenza la sua azione è stata particolarmente incisiva – sottolinea in una nota Il Pd provinciale – ricordiamo, solo per citare le operazioni già consolidate a cui vanno aggiunte numerose altre in corso: il progetto del Laboratorio Pontieri in pieno centro storico ove sorgeranno due nuove palestre al servizio delle scuole che ne sono prive; Il Piano Caricatore che ora ospita l’autostazione trasferita da Piazza Cittadella; Palazzo Farnese sede museale; alcuni dei principali bastioni della cinta muraria ora riqualificati con una virtuosa collaborazione con i privati (Bastione San Sisto, Torrione Fodesta, la ex chiesa di Sant’Agostino, la ex Chiesa San Lorenzo) e altri beni le cui pratiche sono in corso di perfezionamento come la Caserma Dal Verme o l’ex ospedale militare, l’ex Pertite o la caserma Lusignani.

In provincia tra le più significative azioni di riuso ricordiamo le ex polveriere di Rio Gandore (comune di Gazzola) e di Cantone (Agazzano) senza dimenticare la grande sfida per il futuro dell’aeroporto di San Damiano.

Un’azione concreta che in soli quattro anni ha decuplicato gli investimenti, ridotto la spesa, rigenerato beni pubblici in ogni parte d’Italia in un’ampia attuazione di tutti i nuovi strumenti previsti dalle norme sul cosiddetto federalismo demaniale che sostanzialmente prevedono a costi azzerati la restituzione alle città dell’ingente patrimonio immobiliare non più in uso allo Stato e spesso in stato di abbandono. Spiace che il Governo Conte non abbia saputo rinunciare alla sua foga restauratrice e non abbia valutato il merito della positiva gestione del Demanio attuata dall’Ing. Reggi con quel piglio manageriale più volto al bene comune che agli schieramenti politici, che la città gli ha sempre riconosciuto da Sindaco. A Roberto va tutto il nostro ringraziamento.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.