PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Passò più volte da Piacenza l’ereditiera americana che ispirò i romanzi di Henry James

Passò più volte, durante i suoi viaggi in Italia, da Piacenza – ed apprezzava la nostra città – Caroline Fitzgerald, l’ereditiera americana che somiglia molto a Isabel Archer, la protagonista del celebre romanzo Ritratto di signora di Henry James; anche perché colui che meglio di tutti ha raccontato la società a cavallo tra l’800 e il 900, trovava l’ispirazione dei suoi personaggi osservando la vita delle amiche che frequentava.

E questa signora – fino a poco tempo fa sconosciuta – era amica di James. A provarlo una serie di lettere che Caroline scrisse al romanziere nato americano ma morto inglese. Lettere scoperte da un avvocato e storico dell’arte, Gottardo Pallastrelli, di origini piacentine, essendo nipote del pittore-ritrattista Uberto Pallastrelli, a cui la Banca di Piacenza ha dedicato, due anni fa, una mostra curata da Vittorio Sgarbi.

Lo studio e la traduzione di queste missive hanno talmente appassionato Pallastrelli (presentato alla Sala Panini da Gianmarco Maiavacca) che la vita di Caroline Fitzgerald è diventata un libro, Ritratto di signora in viaggio. Un’americana cosmopolita nel mondo di Henry James (Donzelli editore), presentato dall’autore a Palazzo Galli.

«Caroline partiva da Parigi – ha raccontato Gottardo Pallastrelli – arrivava a Torino e poi scendeva a Piacenza, Parma, Bologna, Firenze e infine Roma». La nostra città le piaceva, anche se una volta c’era talmente caldo che durante il soggiorno piacentino si ammalò. Un’altra volta fu costretta a fermarsi a Bobbio perché stava malissimo (è sempre stata di salute cagionevole) e spedì una cartolina dall’Orrido di Barberino.

«Nel 2016 mi trovavo a Parigi alla ricerca di libri antichi – ha spiegato l’autore – e quasi per caso mi sono imbattuto in una ventina di lettere che questa sconosciuta signora aveva scritto a Henry James. La sua storia mi ha affascinato a tal punto che ho deciso di scriverne la biografia».

Caroline nacque nel Connecticut (1865). Presto si trasferì in Europa, prima a Ginevra (dove conobbe Victor Hugo), poi a Londra, dove frequentò i salotti mondani e incontrò James. Amante della poesia e studiosa di sanscrito, sposò un lord inglese dal quale divorziò 5 anni dopo.

Durante uno dei suoi viaggi in Italia conobbe un medico-esploratore, Filippo De Filippi, che sposò. Accompagnò il marito in viaggi avventurosi (in India visitò il Ladakh e il Kashmir) nonostante i problemi di salute, perché vedeva i viaggi come opportunità di emancipazione femminile. Morì di polmonite a Roma, il giorno di Natale del 1911.

«Caroline è stata un’eroina – ha concluso l’avv. Pallastrelli – perché ha gestito il proprio destino in modo originale».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.