PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Orgogliosi di 40 anni di sanità pubblica, taglieremo i ticket” foto

Il Servizio Sanitario Nazionale è stato istituito con la legge 833 del 1978: Piacenza ne ha festeggiato i 40 anni in un evento alla sala dei Teatini, promosso dall’Ausl Piacenza, con testimonianze e una tavola rotonda per celebrare la ricorrenza.

“Celebrare 40 anni di servizio sanitario universale – ha sottolineato l’assessore regionale alla Salute Sergio Venturi, presente insieme al presidente della Regione Stefano Bonaccini – vuol dire ringraziare tutti coloro che ci hanno consegnato un sevizio i cui risultati – almeno nelle ambizioni – non dipendono nè da dove una persona nasce, né da quanti soldi possiede, nè dalla fortuna che può avere nel rivolgersi ad un ospedale piuttosto che ad un altro”.

“Un risultato di cui andare orgogliosi, non solo in Italia ma anche al di fuori del nostro paese – ha aggiunto – Da parte nostra cercheremo di migliorarlo tagliando il superticket e, in parte, il ticket per un risparmio importante delle famiglie”.

“VIA I SUPERTICKET IN REGIONE” – “Sui ticket – ha precisato il presidente Bonaccini – la Regione, avendo i conti in ordine, si prende un impegno: dal primo gennaio 2019 tutti i nuclei familiari che non superano i 100mila euro di reddito annuo non pagheranno più i superticket e lasceremo soltanto la quarta fascia, quella dei redditi più alti”.

“Le risorse dei redditi che continueranno a pagare i superticket le utilizzeremo per togliere i ticket ordinari prima visita a tutti i nuclei familiari – a prescindere dal reddito – con a carico due o più figli, perchè è su quello che si misura il sostegno alla genitorialità, tema sul quale ho fatto troppo poco”.

“Saranno 35 milioni di euro in meno nelle entrate che saranno distribuite nelle tasche dei ceti medi e bassi, che speriamo servano a far ripartire i consumi”.

“DIFENDERE E PROTEGGERE COMPETENZA MEDICI” – “Sono stati i padri costituenti – ha ripercorso la presidente della Conferenza Socio Sanitaria Patriza Calza – a delineare i principi della nostra sanità, ispirata alla solidarietà e all’uguaglianza sostanziale: principi importanti, che hanno trovato attuazione in maniera compiuta solamente 30 anni dopo con l’intuizione di una donna illuminata, Tina Anselmi, che ha consentito di attivare il servizio sanitario nazionale”.

Calza ha quindi spostando il discorso sul piano locale: “Anche a Piacenza è in corso un forte cambiamento, possibile grazie al senso di responsabilità dei sindaci che il 31 marzo dello scorso anno hanno approvato il piano di riorganizzazione della rete ospedaliera con il quale si è voluto dar voce al personale sanitario”.

“La giornata di oggi è testimonianza della bontà della decisione. Stiamo lavorando per realizzare un ospedale che sarà punto di riferimento per il territorio provinciale, penso ci saranno novità in tempi non lunghissimi anche per Villanova e Fiorenzuola e abbiamo chiesto investimenti aggiuntivi alla Regione per dare migliore attuazione al piano”.

“Oggi – ha concluso – dobbiamo dare la precedenza al servizio sanitario nazionale affinché non vengano a mancare le risorse necessarie; un’altra battaglia è quella per la competenza, perché venga sempre protetta e difesa: ai medici non possiamo chiedere miracoli o la guarigione assicurata, ma competenza, conoscenza e senso di responsabilità”.

Nel corso dell’evento ai Teatini è stato siglato il protocollo tra Comune di Piacenza, Regione e Ausl per la realizzazione del nuovo ospedale cittadino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.