PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Progetti socio-educativi per le scuole, venerdì 9 il termine per aderire al bando

E’ venerdì 9 novembre, entro le 12, il termine ultimo per presentare richiesta di contributo nell’ambito dei tre avvisi pubblici emessi dai Servizi educativi e formativi del Comune di Piacenza, a sostegno della realizzazione di progetti socio-educativi nelle scuole cittadine.

Il testo completo dei bandi e i moduli necessari sono disponibili on line sul sito www.comune.piacenza.it , dove compaiono in evidenza anche nella home page, nonché presso gli sportelli Quinfo di piazzetta Pescheria.

Diversi i temi su cui si incentrano gli interventi che l’Amministrazione comunale intende promuovere per favorire la qualificazione del sistema scolastico: dall’educazione alimentare e gli stili di vita sani, alla prevenzione e gestione del disagio e della dispersione scolastica, dal contrasto a bullismo e cyberbullismo all’integrazione scolastica degli alunni di origine straniera, sino alla promozione della cittadinanza attiva e della legalità.

Le risorse messe a disposizione derivano in parte dal bilancio comunale, in parte dal Piano di zona per la salute e il benessere sociale del Distretto sanitario Città di Piacenza e dal progetto sugli interventi di sostegno alle scuole del territorio urbano per le emergenze educative, per il quale l’Amministrazione comunale ha ottenuto un contributo dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano.

L’avviso pubblico di co-progettazione “Tra corpo e territorio – Alimentazione e stili di vita sani” erogherà contributi per un valore complessivo di 20 mila euro e si rivolge ai soggetti del terzo settore che vogliano attuare, nelle scuole dell’infanzia e primarie, interventi volti a educare gli alunni sul valore nutritivo dei cibi e sugli aspetti culturali, economici e identitari degli alimenti, con un’attenzione specifica anche al rapporto tra dieta e salute nei bambini con disabilità. Un altro aspetto riguarda le attività da svolgere nei cortili scolastici, per favorire l’abitudine al movimento fisico, nonché i progetti che integrino l’educazione motoria con le altre discipline scolastiche.

Il secondo avviso pubblico, che prevede contributi diretti alle istituzioni scolastiche, concerne diverse aree. Sono 11mila euro i fondi disponibili per il contrasto a bullismo e cyberbullismo nelle scuole secondarie di primo grado, anche in merito all’uso consapevole delle nuove tecnologie e dei social network. Per il progetto “Regoliamoci: condivisione delle regole tra scuola e famiglia”, a disposizione 10 mila euro con l’obiettivo di migliorare il dialogo e favorire l’integrazione di tutti i bambini, superando le barriere linguistiche e culturali, nelle scuole del primo ciclo. Altri 7 mila euro sono destinati ad attività di counseling nelle secondarie di secondo grado, con l’obiettivo di cogliere precocemente segnali di disagio, a supporto degli studenti ma anche di insegnanti e genitori.

Sono pari a 8 mila euro, invece, i finanziamenti per progetti che migliorino i processi di accoglienza e inclusione degli alunni di origine straniera.

Il terzo avviso pubblico, infine, è a favore delle organizzazioni del terzo settore per progetti di educazione civica alla cittadinanza attiva e alla partecipazione, per un totale di 14 mila euro.
Per ulteriori informazioni e chiarimenti, è possibile contattare gli uffici dei Servizi educativi e formativi ai numeri 0523-492588/2769.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.