PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Accoltellò un uomo in piazzale Roma, preso sette anni dopo

La sera del 2 febbraio del 2012 ferì gravemente un connazionale a Barriera Roma colpendolo con una coltellata all’addome (vedi articolo sotto).

Condannato a 10 anni di carcere dal tribunale di Piacenza per tentato omicidio volontario e porto di armi od oggetti atti ad offendere, è stato rintracciato dal personale della squadra mobile della questura di Piacenza in Svizzera, dove è stato arrestato.

Si tratta di un 32enne albanese, nei cui confronti lo scorso maggio la Procura aveva emesso un’ordine di carcerazione.

Gli accertamenti condotti dalla polizia hanno indirizzato le sue ricerche all’estero e ad ottobre un mandato di arresto europeo ha esteso la cattura in ambito Schengen con interessamento del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia di Roma.

L’attività investigativa – spiega la questura di Piacenza in una nota – nonché la stretta collaborazione con personale della polizia svizzera, hanno permesso di localizzare il 32enne in territorio svizzero il 18 dicembre scorso, dove è stato arrestato in virtù del mandato di arresto europeo concesso dall’Autorità giudiziaria piacentina”.

Si trova ora nel carcere milanese di Opera, dove sconterà la sua pena.

IL FATTO – La sera del 2 Febbraio 2012, intorno alle 21:30, la polizia interveniva a Piazzale Roma a Piacenza per una persona accoltellata, successivamente accompagnata in auto al pronto soccorso da alcuni connazionali.

Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Piacenza rinvennero e sequestrarono il coltello utilizzato dall’aggressore, della lunghezza di 40 centimetri, di cui 25 di lama. Il ragazzo aggredito, raggiunto dal fendente all’addome, era stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico.

Le successive indagini portarono all’individuazione del 32enne quale responsabile. Secondo quanto ricostruito, alcuni giorni prima il giovane ferito aveva aveva preso le difese di una connazionale aggredita verbalmente dal 32enne: quest’ultimo aveva quindi invitato il ragazzo nella zona di piazzale Roma, nei pressi di un esercizio pubblico, dove lo aveva accoltellato.

Per tali fatti nell’aprile 2016 era stato condannato dal Tribunale di Piacenza alla pena di dieci anni di reclusione, interdizione perpetua dai pubblici uffici con interdizione legale durante la pena.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.