PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spaccio di droga a minori, deve scontare 4 anni. Arrestato

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Piacenza, nella tarda serata del 17 gennaio, a Fiorenzuola d’Arda hanno rintracciato ed arrestato un disoccupato 24enne rumeno, pluripregiudicato, perché colpito da ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Piacenza.

Deve scontare 4 anni 2 mesi e 13 giorni di reclusione per spaccio continuato di sostanze stupefacenti in concorso, commesso tra il giugno 2012 e ottobre 2016 a Fiorenzuola d’Arda, Lugagnano Val d’Arda, Castell’Arquato, Cortemaggiore ed altri luoghi.

“Dopo una lunga indagine – ricorda il comando provinciale dell’Arma -, il giovane rumeno, già noto sia come consumatore che come spacciatore, era stato arrestato dai carabinieri del Comando Provinciale di Piacenza nell’ottobre del 2016 perché, insieme al fratello maggiore, dopo essersi rifornito di hashish ed eroina nelle campagne lodigiane, aveva messo in piedi un giro di spaccio con una cerchia di clienti molto vasta, composta anche da un numero inquietante di minorenni.”

“Spacciava nei giardinetti, in stazione, nel garage di casa, davanti alle scuole e perfino al Sert di Cortemaggiore, dove era certo di trovare clienti facili. Ma soprattutto, come detto, cedeva le dosi di eroina ai ragazzi minorenni di Fiorenzuola d’Arda e della zona. Minorenni che non si limitavano allo spinello, ma che già fumavano l’eroina”.

Si spostava abitualmente da una provincia all’altra – Cremona, Pavia e Lodi – cercando il “mercato” migliore per rifornirsi di stupefacenti e per spacciare droga anche nelle campagne dell’ Oltrepo pavese, dove nel febbraio del 2015 era stato pizzicato con circa 25 grammi di eroina ed aveva patteggiato una pena di dieci mesi di carcere.

I militari del Reparto Operativo hanno rintracciato e fermato lo spacciatore in Fiorenzuola d’Arda presso la residenza dei genitori e dopo averlo portato nella caserma di via Beverora per le formalità del caso, è stato portato al carcere delle Novate dove sconterà la pena.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.