PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Una fiaba per imparare l’ecologia. La sperimentazione alla scuola dell’Infanzia di Pontenure

Tra l’8 marzo (Giornata internazionale della Donna) e il 15 (Giornata mondiale per il clima) Aurora e la Perla Nera: una sperimentazione tra fiaba e disegno nella scuola dell’infanzia.

Il disegno di Sofia, 5 anni (sopra)

disegni scuola

Il disegno di Morena, 5 anni

Immaginate bambini di una scuola dell’infanzia intenti a disegnare particolari di una fiaba che hanno ascoltato. Hanno 4 e 5 anni, sono rimasti colpiti da Aurora, bimba cieca e orfana, e dalla Perla Nera, oggetto magico e sacro che si è perduto nel profondo del mare del paese Sabbiabianca.

E da quando si è perduto gli uccellini cadono dal nido, le mucche non danno più latte, c’è tristezza e grigiore dappertutto.

I bambini disegnano. Poi raccontano alle maestre quanto si è materializzato sul foglio bianco.

Colorano con le tecniche che preferiscono, pastelli, pennarelli, a volte attraversando il foglio e passando dall’altra parte.

Qualcuna inscena una danza, mostrando all’autore della fiaba il suo bellissimo disegno insieme ad un sorriso ammaliante.

Nota: Questa fiaba “ La bambina e la perla nera”, è tratta dal libro: “ Le fiabe di Eos, La bimba, Bambine e bambini assieme sulla giostra della vita, di Mario Bolognese, Prefazione di Luce Irigaray, Illustrazioni di Roberto Origgi, Edizioni Del Faro, Trento, 2016”. Il libro contiene anche un’appendice, con fiaba e note didattiche, sulla valorizzazione delle differenze.

E’ accaduto a Pontenure, alla scuola dell’Infanzia “Peter Pan”

Con la collaborazione di Mario Bolognese, scrittore e formatore, studioso dei simboli e delle risorse immaginative e creative dei bambini e delle bambine, in un orizzonte di pace e di eco-solidarietà.

Il suo approccio, che trae linfa dall’antropologia del sacro, si basa sulla fiaba e sui miti e riti di iniziazione dei popoli soprattutto in riferimento alla dimensione della natura (alberi, elementi, animali).

La caratteristica del suo metodo di lavoro e ricerca è il “genere” e la metaforizzazione del linguaggio. Attualmente popone laboratori di eco-genealogia – la natura come madre del nostro pensiero – dove le emozioni si trasformano in paesaggio e si lavora con la poesia e con l’arte.

Mario ha letto con pazienza e tenerezza ogni disegno, ogni descrizione narrata dai bambini alle maestre, e vi ha apportato il suo contributo di scoperta, ed insieme una CdB (Cura della Bellezza), ovvero un’indicazione di come proseguire e implementare la scoperta delle bambine e dei bambini utilizzando elementi della narrazione già presente ed approfondendola.

Mario tornerà a Pontenure ed incontrerà anche i genitori, in un laboratorio ludico e creativo, ad aprile, sabato 6 e sabato 13 aprile dalle 10,30 alle 13. Gli incontri si terranno presso la scuola secondaria di primo grado in Via Sivelli, nella Biblioteca “La stanza degli aquiloni” e saranno liberi e aperti a tutti.

Tra le pubblicazioni di Bolognese ricordiamo. Per un corpo di pace, Pedagogia, cultura rituale e non violenta del corpo, Edizioni Sapere, Padova, 1995 ; Con Edizioni Osiride, Rovereto (Tn), 1995, due pubblicazioni: “I’m sorry baby, Poesie”, e “Amordialbero” ; Verso una pedagogia del mito, Sonda, Torino, 1988; Come educare con il mito, Per una cultura non sessista, Edizioni Sonda, Torino, 1997; C’era una volta, Crescere con i miti, Edizioni La Meridiana, Molfetta (Ba) 2000; La veggente di Ofis, Una cosmica danza per la pace, Edizioni Ananke , Torino, 2011; L’alfabeto di Madre Terra, Sacro e disegno infantile, Edizioni Ananke, Torino, 2012; Le fiabe di Eos, la Bimba, Bambine e bambini assieme sulla giostra della vita , Prefazione di Luce Irigaray, Illustrazioni di Roberto Origgi, Edizioni del Faro, Trento, 2016, info@edizionidelfaro.it (educazione, a partire dalla scuola materna, alla relazione e ai sentimenti, con la fiaba). Notizie sul suo lavoro e pubblicazioni sul sito Mario Bolognese partecipiamo.it .

Scrivendo direttamente all’autore: canticocreature@gmail.com, si può ricevere gratuitamente il suo libro online : “ Per non condannare a morte l’amore, Verso un nuovo alfabeto del cuore maschile” ( come prevenzione alla violenza contro le donne, per le scuole superiori) . Il richiamo della Dea bambina , 2017 ( per ricevere questo libro – Pubblicazioni Stregatocacolor – telefonare al 338-2415546 ).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.