PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Reddito di cittadinanza, domani il via alle domande. Caf “pronti”, alle Poste turni alfabetici foto

Scatta domani, 6 marzo, la possibilità di inoltrare le prime richieste per il reddito di cittadinanza anche a Piacenza. On line, nei Caf (centri assistenza fiscale) o negli uffici postali, sono i tre canali consentiti per accedere al sussidio.

VAI AL SITO DEL GOVERNO

Chi farà domanda tra il 6 e il 31 marzo dovrebbe ricevere una risposta dall’Inps tra il 26 e il 30 aprile: se la domanda sarà accolta, a maggio dovrebbe partire il pagamento. Si teme un sovraccarico di domande, per questo negli uffici preposti (Poste e Caf) si stanno attrezzando per reggere l’eventuale prima “onda d’urto”.

Le Poste di Piacenza (nelle foto) suggeriscono turni in ordine alfabetico, per presentarsi allo sportello a fare domanda del reddito di cittadinanza. Per il primo giorno l’indicazione di presentarsi è indirizzata ai detentori di A e B come iniziali del cognome. Il meccanismo – secondo le Poste – è pensato per dare un beneficio al cittadino, che può scaglionare la sua andata all’ufficio postale, senza affollarsi il primo giorno.

Poste sede centrale

I Caf hanno potenziato il personale e si dicono pronti ad accogliere i richiedenti, ma regna ancora l’incertezza su molte questioni legate al reddito.

“Siamo pronti per quello che conosciamo – spiega Massimo Quagliaroli della Cgil – perchè certi quesiti da chiarire sono ancora fermi al Ministero. Abbiamo le linee guida ma regna ancora molta confusione su chi effettivamente ha diritto al reddito”.

“Da domani – aggiunge – incominciamo a prendere gli appuntamenti e se le persone non hanno ancora l’Isee (Indicatore della Situazione Economica Equivalente), provvediamo a redigerlo. Contestualmente si va avanti con la compilazione della domanda, confidiamo di inviare le prime intorno al 15 di marzo.

Uno degli aspetti più controversi riguarda l’accesso al reddito per i cittadini stranieri. “Da chiarire – viene precisato – la richiesta di accertamento patrimoniali nei paesi di origine, un documento di non facile rilascio da parte dei vari consolati e ambasciate”.

Al Caf Cisl la raccolta delle prenotazioni è già cominciata nei giorni scorsi (foto sotto). “Abbiamo già preso appuntamento – spiega la responsabile Barbara Romagnoli – con una settantina di persone che avevano già i documenti in ordine. In questi giorni il flusso di persone che chiedevano informazioni è stato costante, circa 20 al giorno”.

“Naturalmente il primo requisito da possedere – precisa – è l’indicatore Isee, qui al Caf abbiamo allestito una postazione in più dedicata alla redazione del modello”.

reddito di cittadinanza Cisl

LE TAPPE PER OTTENERE IL SUSSIDIO – Secondo i Caf, l’Inps dovrebbe inviare le prime risposte (domanda accolta o respinta) per mail o sms ai richiedenti a partire dal 26 aprile.

Subito dopo (ci dovrebbero volere 3-4 giorni) dovrebbe arrivare la comunicazione di Poste con l’appuntamento per la consegna della carta di credito (card gialla) sulla quale sarà accreditato l’importo dovuto del reddito. Il decretone fissa infatti in 10 giorni lavorativi il tempo per l’invio delle domande tra Poste o Caf a Inps.

E poi in un periodo tra 5 e 30 giorni quello a disposizione di Inps per verificare i requisiti e dare l’ok finale.

I Caf comunque pur dicendosi “pronti” al grande afflusso, atteso già nei primi giorni, hanno rivolto un appello ai possibili utenti chiedendo di non presentarsi tutti negli uffici il 6 marzo dato che c’è tempo fino a fine mese per presentare le domande per aprile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.