PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Comune taglia le spese “Consistente riduzione del contributo alla Fondazione Teatri”

Sono circa 180 mila euro, i risparmi previsti nel triennio dal piano di razionalizzazione e riqualificazione della spesa approvato dalla Giunta comunale su proposta dei dirigenti che, nei propri settori di riferimento, hanno individuato alcuni progetti, mantenendo la stessa qualità dei servizi erogati.

A darne notizia il Comune di Piacenza. Il piano, si legge nella delibera, ha lo scopo di “perseguire il contenimento delle spese, assicurando nel tempo il mantenimento degli equilibri di bilancio e rientra in un più articolato e complessivo intervento di contenimento della spesa dell’Ente, che ha già garantito e garantirà notevoli risparmi”.

“In questa linea – evidenziano da Palazzo Mercanti – vanno, ad esempio, gli interventi di efficientamento energetico previsti su tutti gli edifici comunali, comprese scuole, nidi e asili, che consentiranno un risparmio annuale di circa 300mila euro. O, ancora, l’ulteriore consistente riduzione del contributo a partire dal 2020 da parte del Comune di Piacenza alla Fondazione Teatri, come già fatto nel corso del 2018, senza compromettere la qualità e la quantità dell’offerta teatrale e culturale della stessa”.

“Sono inoltre previste misure di contenimento della spesa per il triennio 2019/2021, che riguarderanno, ad esempio, gli acquisti e i noleggi per stampanti e fotocopiatori, la rinegoziazione dei relativi contratti di manutenzione, il monitoraggio delle spese relative al carburante, alla manutenzione, ai bolli e alle assicurazioni del parco vetture e l’efficientamento energetico del patrimonio di alloggi di edilizia pubblica e sociale”.

Il Piano di razionalizzazione, elaborato con i dirigenti dei vari settori, è adottato ai sensi dell’art. 16 del D.L. n. 98/2011, che prevede anche la possibilità di utilizzare le eventuali economie accertate a consuntivo, nell’importo massimo del 50 per cento, per incrementare le risorse destinate alla contrattazione integrativa.

Nello specifico, il piano di razionalizzazione approvato prevede una serie di progetti da attuare nei vari settori, quali:

la predisposizione di un disciplinare relativo alla distribuzione dei capi di vestiario degli agenti di Polizia Municipale in funzione delle specifiche mansioni svolte;

la previsione di nuove modalità di gestione del Campo Sosta di Torre della Razza;

la riduzione della fornitura di quotidiani e di servizi fotografici, questi ultimi limitati solo alle cerimonie istituzionali;

l’efficientamento del sistema di controllo del servizio di refezione scolastica, basato su analisi chimiche e microbiologiche di laboratorio, mantenendo il livello di controllo igienico sanitario contemplato dalle disposizioni sanitarie vigenti;

la ridistribuzione del materiale in dotazione a seguito della esternalizzazione di un nido comunale (Aquilone).

E ancora:

l’arricchimento del menù proposto alle scuole con alcuni alimenti a base di proteine vegetali, introducendo inoltre pasta integrale, recependo le indicazioni elaborate dal Gruppo Aziendale Ristorazione Scolastica dell’Ausl di Piacenza;

l’incremento della produzione di pasti presso il Centro di La Verza, avviato a suo tempo dal Comune unitamente all’Ausl;

la previsione in sede di aggiudicazione del servizio assicurativo RCT (responsabilità civile verso terzi) di un ribasso medio del 15%, sulla base della gestione interna dei sinistri con danni non superiori ai 5000 euro;

l’ulteriore riduzione dei fitti passivi a carico del Comune (in particolare non sarà rinnovato il contratto di affitto per la palestra del Liceo San Benedetto a seguito della cessione al Comune di Piacenza della palestra all’interno del nuovo palazzo ‘ex Enel’).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.