PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tre auto distrutte dal fuoco nel parcheggio, 51enne incastrato dai video: arrestato

Tre automobili andate distrutte dalle fiamme lo scorso ottobre nel parcheggio interno del complesso residenziale “Barriera Farnese” di Piacenza: per quel fatto è ora finito in manette un 51enne siciliano, individuato dai carabinieri quale presunto responsabile.

Fin dai primi rilievi si era pensato ad un atto doloso. L’ipotesi era che qualcuno si fosse introdotto nel parcheggio dall’esterno per poi appiccare le fiamme ad un’auto, causando di conseguenza l’incendio anche ad altre due vetture parcheggiate vicino. Due utilitarie, una Fiat Seicento ed una Toyota Yaris erano andate completamente distrutte, mentre un Fiat Ducato era rimasto danneggiato dalle fiamme che nel frattempo si erano propagate da una delle altre due macchine.

I militari della stazione di Piacenza Principale, ricevuta la denuncia da parte di uno dei proprietari delle autovetture andate distrutte, avevano iniziato gli accertamenti: da subito i sospetti sono caduti sul 51enne, da tempo residente nello stesso complesso residenziale. Già in passato, infatti, il precedente proprietario della Fiat Seicento da cui si era propagato l’incendio era stato vittima di un danneggiamento della sua auto e aveva indicato proprio il 51enne quale autore del fatto.

A tradire quest’ultimo le immagini del circuito di videosorveglianza installato all’interno dell’area parcheggio del complesso residenziale, analizzate dagli inquirenti insieme al traffico telefonico della sua utenza cellulare: “In particolare – riferiscono i carabinieri – nei video si nota chiaramente il 51enne con in mano una busta di colore bianco ed un accendino avvicinarsi alla Fiat Seicento e subito dopo un piccolo fuoco all’interno dell’abitacolo”.

Sulla base degli elementi raccolti, nei suoi confronti è stata emessa una misura cautelare dal GIP del Tribunale di Piacenza: l’uomo si trova ora agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.