PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Al consiglio comunale spetta giudicare la “legittimità” e non la “conformità” dei progetti di costruzione”

Il Consiglio direttivo dei Liberali Piacentini intende chiarire “che il Regolamento urbanistico edilizio (Rue) del Comune di Piacenza, fino ad ora vigente prevedeva che i progetti di costruzione esaminati dalla struttura dirigenziale venissero varati “dall’amministrazione comunale”, dizione che veniva intesa come sinonimo di Giunta comunale”.

“La nuova amministrazione ha invece inteso introdurre un controllo finale da parte del Consiglio comunale, al quale i liberali sono sempre stati contrari, pur in un primo momento non ostacolando l’iter del Regolamento sulla ottenuta assicurazione che si sarebbe, acquisite le osservazioni previste dalla normativa, provveduto a chiarire che preciso tipo di controllo fosse demandato al Consiglio comunale”.

A questo punto, i Liberali – “accertato che si voleva continuare a mantenere la previsione del voto consiliare” – hanno ritenuto di proporre che “il controllo del Consiglio comunale dovesse svolgersi al mero fine della valutazione della legittimità dei progetti edilizi”.

In questi termini, il consigliere comunale Antonio Levoni si è espresso come componente la Commissione Affari istituzionali, ribadendo che “solo questa previsione sarebbe stata coerente con i principi liberali dello stato di diritto, che vuole che la normativa, e la conseguente applicazione nonchè i conseguenti controlli, siano uguali per tutti, abbandonato quindi ogni criterio discrezionale e quindi non ancorato ad un preciso criterio. La visione liberale vuole infatti che ogni controllo abbia un preciso parametro di riferimento, non mutabile caso per caso, come invece sarebbe stato se si fosse fatto riferimento ad un voto del Consiglio comunale senza nulla ulteriormente prevedere”.

La maggioranza consiliare di Palazzo Mercanti ha tuttavia ritenuto di non approvare la proposta liberale (che legava – come detto – i consiglieri ad un esame limitato alla legittimità o meno del progetto edilizio) e di ancorare la valutazione in parola non alla “legittimità” ma alla “conformità”, sempre sulla base degli strumenti urbanistici vigenti.

Il Consiglio direttivo intende sottolineare “che si è comunque in questo modo attribuito un ruolo preciso all’esame del Consiglio comunale e ciò in piena aderenza con il comunicato liberale, nel quale si sottolineava appunto che al Consiglio comunale si sarebbe potuto attribuire il solo compito di “verificare la corrispondenza delle previsioni agli strumenti urbanistici e alle normative di settore”.

In sostanza, il Consiglio direttivo dei liberali – pur avanti l’attenuazione, non condivisa, del parametro di riferimento, mutato da quello della “legittimità” in quello della “conformità” – rivendica alla componente liberale del Consiglio “di avere ottenuto che il voto del Consiglio comunale non sia libero e discrezionale, ma ancorato ad un ben determinato criterio”.

“Sui modi in cui la seduta si è svolta, ed è stata condotta, i liberali si riservano di esprimere un giudizio e di valutare quali azioni eventualmente intraprendere, in particolare sul piano politico, a seguito della lettura del verbale ufficiale del Consiglio comunale”. (nota stampa)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.