PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“La ‘Ndrangheta a Piacenza, nemico da combattere insieme”

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento dei consiglieri comunali della minoranza a Palazzo Mercanti sull’indagine della polizia che ha portato all’arresto del presidente del consiglio comunale Giuseppe Caruso.

La nota è firmata dai consiglieri Gianluca Bariola, Roberto Colla, Stefano Cugini, Cristian Fiazza, Giorgia Buscarini, Giulia Piroli, Massimo Trespidi, Mauro Monti, Sergio Dagnino, Andrea Pugni e Luigi Rabuffi.

Ecco il testo integrale

L’arresto del presidente del consiglio Comunale svela una realtà che lascia attoniti e sconvolti. Se le accuse e i capi di imputazione dovessero essere confermati, la situazione sarebbe gravissima. Il piano e ciò che è in gioco, cambierebbe radicalmente; non ci confronteremmo con un legittimo avversario politico, ma contro la mafia.

Un mostro antico che ha assunto nella storia Italiana, nelle varie regioni, nomi e modelli organizzativi diversi; il nemico avrebbe il volto dei carnefici di Falcone e Borsellino, Don Puglisi e il Generale Dalla Chiesa. Questo sarebbe il nostro nemico. Se le accuse dovessero essere fondate, l’Ndrangheta avrebbe scalato, attraverso il consenso popolare, il seggio più prestigioso di Palazzo Mercanti. L’Ndrangheta avrebbe deturpato il ruolo di presidente del consiglio che dovrebbe essere a tutela della legge, della dignità del consiglio Comunale e della sua democraticità.

L’Ndrangheta sarebbe parte della nostra Comunità. Sorgerebbe il dubbio e la paura di quanto sia estesa e profonda la sua ramificazione; in quanti altri settori della vita pubblica potrebbe essere presente? A quale distanza dalle nostre case? Anche nelle nostre relazioni? Nonostante tutto, non illudiamoci che le dimissioni personali possano rimettere il velo ad una sconcertante e manifesta realtà già attestata da decenni di indagini in tutto il nord Italia; sarebbe un errore gravissimo.

Il nemico antico va riconosciuto, studiato e combattuto. Non possiamo permetterci di essere superficiali (non lo possono fare i rappresentanti politici); nessuno può sottrarsi a questa durissima presa di consapevolezza. Se tutto dovesse essere confermato, ci sarà bisogno della parte migliore di ciascuno per trovare insieme la risposta giusta. È su questa nuova, terribile ed indesiderata sfida che dovremmo riscattarci come Comunità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.