PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Verità per Giulio Regeni” In Cgil uno striscione per non dimenticare

Anche da Piacenza si chiede verità sull’omicidio di Giulio Regeni.

In occasione dell’avvio del direttivo della Cgil Piacenza si è svolta nella mattinata del 12 luglio, nello spazio esterno della Camera del Lavoro, la posa di un manifesto voluto da Amnesty International e dal sindacato per mantenere viva l’attenzione ed accendere i riflettori sul caso ancora aperto del ricercatore italiano ucciso tra gennaio e febbraio 2016 in Egitto.

“Cgil ha aderito da tempo alla campagna in ricordo di Giulio Regeni e alla ricerca della verità intorno al suo omicidio in Egitto – ha commentato Gianluca Zilocchi, Segretario generale Cgil- . Più che una testimonianza, questo momento rappresenta un nostro impegno a non voler far alzare un muro di silenzio in questa vicenda, come purtroppo sta accadendo. Sono passati più di 3 anni dall’omicidio di Regeni e ancora non ci sono risposte e colpevoli: stiamo trovando grandissime resistenze da parte del Governo egiziano a svelare i contorni di questa vicenda e restituire la verità alla famiglia e allo Stato italiano”.

La Cgil Piacenza – ha evidenziato -, in controtendenza rispetto a chi non vuole esporre gli striscioni o li rimuove, si impegna ed espone oggi questo manifesto in ricordo di Giulio, garantendo così il suo impegno in questa vicenda”.

“Anche Amnesty International si schiera in prima linea per la ricerca della verità nel caso Regeni con una raccolta firme da inviare al procuratore generale dell’Egitto – ha poi spiegato Luigi Ferrari, presidente della sezione locale-, l’obiettivo è fare in modo che le risultanze della Procura di Roma possano essere assunte e si possa andare avanti per trovare i colpevoli, che in parte sono già stati indicati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.