PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Parma. Crepet il 20 novembre al Rondani per “Orientando” foto

Paolo Crepet, il noto psichiatra e sociologo, sarà a Parma all’ITG Rondani nel primo pomeriggio del 20 novembre per un incontro dedicato ai professori delle scuole secondarie di primo grado del parmense. Oggetto dell’iniziativa è la scelta della scuola superiore, uno dei passaggi più delicati nella carriera scolastica dei giovani. Insieme al Prof. Crepet si imparerà a cogliere e decifrare attitudini e attese dei ragazzi per aiutarli a prendere decisioni ragionate e consapevoli.

Più informazioni su

Paolo Crepet, il noto psichiatra e sociologo, sarà a Parma all’ITG Rondani nel primo pomeriggio del 20 novembre per un incontro dedicato ai professori delle scuole secondarie di primo grado del parmense. Oggetto dell’iniziativa è la scelta della scuola superiore, uno dei passaggi più delicati nella carriera scolastica dei giovani. Insieme al Prof. Crepet si imparerà a cogliere e decifrare attitudini e attese dei ragazzi per aiutarli a prendere decisioni ragionate e consapevoli.

L’evento, intitolato “Orientando”, è promosso dall’ITG Rondani in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna, gode del patrocinio del Comune e della Camera di Commercio di Parma ed è sostenuto dal Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Parma.

“Le nuove generazioni – dice Crepet – sono le più esposte ai cambiamenti che stiamo vivendo. C’è quindi un problema di prepararle ad affrontare il mondo nel modo migliore. Oggi i ragazzi hanno opportunità e mezzi straordinari, che ai miei tempi non c’erano. Possono viaggiare low-cost e trovare lavoro ovunque cercando via Web, a patto di essere disposti a impegnarsi, a sudare, a imparare le lingue. E qui entriamo in gioco noi adulti, che non dobbiamo spianare la strada ai ragazzi, ma crescerli nella consapevolezza che la vita dà se tu dai. Limitare l’happy-hour o Facebook a favore della formazione non è una scelta ascetica da penitenti, ma è una legge della vita. Si chiama reciprocità. Ma per educare i giovani a questo occorrono dedizione, passione e autorevolezza. Non autorità ma autorevolezza”.

L’evento si rivolge ai professori di scuola media, che potranno iscriversi rivolgendosi alla propria segreteria docenti. E’ prevista inoltre la partecipazione di un numero limitato di genitori di studenti delle seconde e delle terze classi della scuola media. Per informazioni, inviare un’email a crepetalrondani@gmail.com.

Nota biografica

PAOLO CREPET nasce a Torino nel 1951. Dopo l’internato presso l’Istituto di biochimica dell’università di Padova e alla Clinica delle malattie nervose e mentali dell’università di Padova, consegue la laurea in Medicina e Chirurgia a cui successivamente si aggiunge quella in Sociologia.

Dopo la specializzazione in Psichiatria diventa medico ricercatore all’ospedale psichiatrico di Arezzo. Si aggiudica la borsa di studio internazionale bandita dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) «Epidemiologia e psichiatria sociale», Department of mental health di Ginevra, e la borsa di studio presso il corso di formazione del Cnr e dell’Oms «Metodologia epidemiologica per ricercatori clinici» all’università di Pisa.

Paolo Crepet diventa così coordinatore del «Primo corso di metodi e applicazioni dell’epidemiologia psichiatrica», organizzato dall’Istituto superiore della sanità e dal Cnr e patrocinato dall’Oms.

Negli anni successivi presta consulenza a numerose istituzioni pubbliche e al Censis. Nel 1986 è temporary adviser dell’Oms-regione europea per il gruppo di lavoro su «Servizi di salute mentale nei paesi del sud Europa» e temporary adviser dell’Oms per il gruppo di lavoro su «Prevenzione del suicidio e tentato suicidio», nonché responsabile scientifico per la partecipazione italiana alla ricerca multicentrica europea sul tentato suicidio.

Tra gli altri incarichi ricoperti, Paolo Crepet è stato anche membro dell’unità operativa del dipartimento di psicologia dell’università di Trieste e consulente associato del Center for mental health services development del King’s college, università di Londra. Dal 1992 al 1995 è stato consulente dell’Osservatorio nazionale per lo studio delle tossicodipendenze in ambiente carcerario. E’ stato professore di «Psichiatrica sociale 2», all’università di Napoli e di «Linguaggi e culture giovanili» all’università di Siena.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.