PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dieci minuti di applausi per il Nabucco LE FOTO foto

Secondo titolo della Stagione Lirica 2015- 2016 della Fondazione Teatri di Piacenza l'opera di Giuseppe Verdi vedrà il celebre baritono Leo Nucci nei panni del re babilonese

Più informazioni su

Ha riscosso un notevole successo di pubblico e di critica la prima del Nabucco, opera in 3 atti di Giuseppe Verdi, andata in scena domenica pomeriggio al Teatro Municipale. Al termine oltre dieci minuti di applausi hanno salutati gli interpreti tutti di notevole valore a cominciare dal baritono Leo Nucci (probabilmente il miglior interprete internazionale nel ruolo) alla soprano Anna Pirozzi, al tenore Leonardo Gramegna per finire al basso piacentino Mattia Denti autentica rivelazione  nella parte di Zaccaria.

Molti gli applausi a scena aperta specie al termine del celebre “Va pensiero” interpretato magistralmente dal coro del teatro Municipale di Piacenza diretta dal maestro Casati.
Al termine gli interpreti hanno simpaticamente salutato il pubblico firmando autografi e dediche nel foyer del teatro alla presenza del direttore artistico sig.ra Cristina Ferrari particolarmente soddisfatta dell’esito della rappresentazione.

“Questa è stata un’edizione direi storica per l’altissimo valore artistico di tutto il complesso – ha commentato aggiungendo – davvero uno spettacolo di cui il nostro teatro può andare fiero”. Dello stesso parere il noto critico, regista e conduttore radiofonico Enrico Stinchelli :”davvero un gran bel spettacolo come è raro a vedersi. Nucci è davvero grande. Per certi versi lo preferisco oggi di 20 anni fa. Ancora una volta Piacenza si è dimostrata all’avanguardia nella lirica internazionale. Non è un caso che Verdi sia di queste parti”. 

Luigi Carini

LA SCHEDA – Replica il 29 dicembre alle 20,30

Lo spettacolo va in scena in una nuova produzione curata dal Teatro Comunale di Modena, in coproduzione con la Fondazione Teatri di Piacenza e la Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi e riprende un allestimento realizzato da Stefano Monti per l’Opera di Tenerife nel 2013.
“Ho cercato di rispettare con gusto e rigore certi riferimenti storici e i contenuti del racconto verdiano – spiega il regista -, sottolineando momenti di imponente monumentalità in uno spettacolo di impostazione classica.

Volevo raccontare una storia senza tempo, sempre attuale, che attraverso alcuni simboli del passato potesse parlare anche agli spettatori di oggi, di un tempo presente che ancora una volta colpisce duramente singoli individui e popoli. Nabucco non è solo un’esperienza musicale o teatrale, o più in generale culturale, ma di vita. I suoi drammi personali sono in perfetto equilibrio con quelli collettivi; l’esperienza del dolore diventa un modo per conoscere se stessi e riconoscere gli altri”.
 
Assente dalle scene del Teatro Municipale da 12 anni, l’opera di Verdi vede ora impegnata l’Orchestra dell’Opera Italiana diretta da Aldo Sisillo e il Coro del Teatro Municipale di Piacenza e della Fondazione Teatro Comunale di Modena diretti da Stefano Colò.
L’allestimento, che si avvale degli elementi scenici dello scultore Vincenzo Balena, dei costumi di Massimo Carlotto e delle luci di Nevio Cavina si avvale di un cast di levatura internazionale.

A vestire i panni del re babilonese Nabucco, infatti, ci sarà il celebre baritono Leo Nucci mentre la figlia Abigaille sarà interpretata dal soprano di fama mondiale Anna Pirozzi. Leonardo Gramegna darà voce a Ismaele, mentre Mattia Denti farà Zaccaria. A completare il cast saranno Elisa Barbero nelle vesti di Fenena, Roberto Carli in quelli di Abdallo, Paolo Battaglia sarà il gran sacerdote di Belo, mentre Alice Molinari sarà Anna.
 
Per info e biglietti è possibile rivolgersi alla biglietteria del Teatro Municipale di Piacenza, in via Verdi 41, al numero di telefono 0523.492251 o al fax 0523.320365 o all’indirizzo mail biglietteria@teatripiacenza.it.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.