PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fuori Porta: torna il Festival Beat a Salsomaggiore

Edizione numero XXIV per il Festival Beat. La kermesse musicale, promossa dall’associazione Bus1 con il sostegno del comune, tornerà dal 29 giugno al 3 luglio a Salsomaggiore Terme (Parma) con due giorni di concerti nell’area live di Ponte Ghiara (l’1 ed il 2 luglio) ed un nutrito corollario di eventi collaterali.

Edizione numero XXIV per il Festival Beat. La kermesse musicale, promossa dall’associazione Bus1 con il sostegno del comune, tornerà dal 29 giugno al 3 luglio a Salsomaggiore Terme (Parma) con due giorni di concerti nell’area live di Ponte Ghiara (l’1 ed il 2 luglio) ed un nutrito corollario di eventi collaterali.

Ricchissimo il cartellone (consultabile nel dettaglio sul sito www.festivalbeat.net): oltre alle uniche date in Italia della formazione sixties-oriented a stelle e strisce Allah-Las e degli svedesi Strollers (per la prima volta nel nostro Paese) suoneranno sul palco autentiche leggende del garage-punk come Nomads, Sick Rose (che celebreranno così il trentennale dell’album di esordio “Faces”) ed un pezzo da novanta come Kid Congo Powers (chitarrista di Cramps, Gun Club e Bad Seeds) con i suoi Pink Monkey Birds.

Ancora: la party band spagnola Los Retrovisores e l’argentino Rolando Bruno, i pionieri del garage-revival anni ottanta Nomads e la one-girl band Elli De Mon. Poi I Rudi con i loro suoni contaminati da beat, mod e ska; il gruppo garage-surf Bradipos IV e la party band inglese MFC Chicken.

Non mancheranno neppure la band garage Sextress e  la power-pop Radio Days; i dinamitardi Cut e l’argentino Tall Juan col suo suono sospeso tra Rocket To Russia e il pop alternativo dei nostri giorni. 

Le serate all’area live di Ponte Ghiara (ingresso 15 euro) saranno presentate dallo speaker e dj di Virgin Radio Doctor Feelgood. Non mancherà una variopinta esposizione che spazierà dai vinili agli abiti sino al mobilio.

A precedere le serate, dal 29 giugno, si terranno in città una serie di eventi che faranno tornare Salsomaggiore indietro nel tempo sino agli anni ’60. Oltre ai concerti, ai dj set, gli aperitivi letterari ed alle feste in piscina segnaliamo la mostra “Hat Passion – Cappelli che passione” presso la Sala Mainardi del Palazzo dei Congressi.

Il pubblico potrà vedere circa 100 cappelli ed accessori da donna: si tratta di pezzi unici, di artigianato milanese, prodotti dagli anni ’30 agli ’80. Una Collezione completata anche di attrezzi da lavoro, teste in legno ed accessori, introvabili oggi.

Ancora: la terza edizione dell’esilarante corsa con gli stivaletti “Mad Beatle Boots Race”, il Ford Meeting 2016, nato dalla collaborazione tra il Festival ed il Taunus devil drivers club, le speciali visite guidate, sabato 2 e domenica 3 luglio, alla scoperta del fascino liberty delle Terme Berzieri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.