PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Gli scritti di Langer. Dibattito domani in Fondazione

Ne discutono tra loro e con il pubblico presente Lanfranco Bolis, Gianni D’Amo e Goffredo Fofi

Più informazioni su

Mercoledì 1 giugno, alle 21, via Sant’Eufemia 12 presso l’Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano si terrà la presentazione del volume di Alexander Langer "Il viaggiatore leggero Scritti 1961-1995" (Sellerio, 2011). Ne discutono tra loro e con il pubblico presente Lanfranco Bolis, Gianni D’Amo e Goffredo Fofi. L’evento è organizzato da Cittacomune.

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946 ed è morto suicida a Firenze nel 1995. Ha dedicato l’intera vita all’impegno sociale e civile, dall’adolescenza cristiana al Sessantotto alla militanza in “Lotta continua”, dall’ecologismo al pacifismo e alla solidarietà tra Nord Sud e Est del mondo, che si è concretizzato nei suoi ultimi anni in una presenza sul campo e senza mai risparmiarsi nei luoghi tragici della guerra nella ex Jugoslavia. Eletto a diverse cariche istituzionali, da quelle locali fino alla presidenza del gruppo dei Verdi al Parlamento europeo, Langer non si è lasciato imprigionare nella routine e nella autoconservazione della politica corrente, mantenendo uno sguardo in grado di vedere lontano nella difficoltà della convivenza contemporanea e nella minaccia che pesa sulla vita della Terra, praticando uno stile di vita quotidiano che non contraddicesse le convinzioni proclamate e anzi ne offrisse una prima verifica e conferma. La “riconversione ecologica” di cui ha parlato, nelle sforzo di tenere insieme drammatici contrasti del presente e futuro possibile, investe il modo di vivere di ciascuno di noi.

Come ha scritto Goffredo Fofi nella “Introduzione” al libro, Langer ci ha insegnato “a piantare la carità nella politica. Proprio piantare, non inserire, trasferire, insediare. E cioè farle mettere radici, farla crescere, difenderne la forza, la possibilità di ridare alla politica il valore e la responsabilità di uno e di tutti versola cosa pubblica, il bene comune, verso la solidarietà tra gli umani e tra loro e le altre creature".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.