Chiudi X
PiacenzaSera - Notizie, Cronaca, Sport, Politica di Piacenza
17 febbraio 2017
Dopo la festa-derby trasferta ad Olbia per il Piace
17 febbraio 2017
Il tecnico Franzini
Passata l’euforia per la netta ed insperata vittoria nel derby contro la Cremonese, il Piacenza riprende la sua corsa play-off subito con una trasferta ricca di insidie ambientali e tecniche come quella di Olbia (domenica, ore 14.30).

Match tra due formazioni partite con mere ambizioni di salvezza ma ora in piena corsa per un posto tra le prime 10, con i biancorossi a quota 34 punti ed i sardi appena dietro a 31 punti; sfida dunque per conquistare la post-season tra due squadre che arrivano da un periodo da una settimana di opposti umori.

PIACENZA: SMALTIRE L’ENTUSIASMO - Dopo il netto 3-0 sui grigiorossi, la squadra di Franzini va ad Olbia con il pieno di consapevolezza per affrontare al meglio la parte finale di stagione. Dopo un periodo di appannamento, le buone prestazioni contro Alessandria e Cremonese hanno palesato una squadra in crescita sotto il profilo atletico e tattico; se a Viterbo ed in Piemonte sembrava mancato solo il gol, contro i lombardi anche la parte offensiva sembra essersi sbloccata: tre reti in una volta sola non si vedevano al Garilli dal novembre e la doppietta di Romero unita al ritorno in buone condizioni di Matteassi e Franchi, sembrano poter garantire una maggiore pericolosità in avanti.

Merito anche del nuovo 3-5-2 di Franzini, che dopo alcune domeniche di logico assestamento pare ora garantire una buona copertura difensiva con i tre centrali di ruolo ed un adeguato supporto alle punte, in particolare con le penetrazioni di Di Cecco sulla fascia destra.

OLBIA IN PIENO CALO - Tre sconfitte consecutive per una squadra in silenzio stampa. Il netto 3-1 di Livorno, che ha fatto seguito allo stop interno con la Lupa Roma ed alla sconfitta di Piacenza col Pro, ha aperto una mini crisi in casa della formazione di Mignani.

L’Olbia ha saputo costruire in casa buona parte della sua classifica: ben 22 dei 31 punti sono stati incamerati al “Nespoli”, con 7 vittorie sino ad ora realizzate ma anche 5 sconfitte e 18 reti subite che ne fanno la peggior retroguardia interna di tutto il campionato, dietro solo al Pontedera.

Da dimenticare il rendimento in trasferta, dove spesso gli isolani hanno vanificato i buoni risultati casalinghi con 9 punti e 6 sconfitte (solo Pro Piacenza, Carrarese, Racing e Prato hanno fatto peggio. Mignani si schiera con un 4-3-1-2 con un centrocampo robusto incentrato sulle geometrie di Geroni e le incursioni al tiro dei bravi Muroni e Piredda (già 5 reti per lui), ma la gran parte della manovra offensiva si basa sulla qualità nel muoversi tra le linee dell’ex-nazionale Cossu nonchè sulle capacità realizzative di Capello (8 reti) e dell’altro ex-Cagliari Ragatzu (6 reti), senza tuttavia dimenticare Kouko (4) ed il veloce Ogunseye.

Giancarlo Tagliaferri

ANTICIPATO IL MATCH CON LA PISTOIESE - Anticipata la partita Piacenza – Pistoiese, in programma al Garilli domenica 26 febbraio 2017: il fischio d'inizio sarà alle ore 14:30.
Commenti (6)

-


-


-


-


-


-

Inserisci commento: