05 aprile 2017
La Filarmonica Toscanini fa rivivere Haendel al Municipale
05 aprile 2017
Diego Fasolis
La Stagione Concertistica 2016/2017 della Fondazione Teatri di Piacenza prosegue sabato 8 aprile alle ore 21 al Teatro Municipale, con un importante appuntamento: Diego Fasolis dirige la Filarmonica Arturo Toscanini in un programma che vedrà l'esecuzione di due delle composizioni più celebri di Georg Friedrich Händel: Water Music e Music for the Royal Fireworks.

Scaturite dalla penna del compositore per accompagnare le tradizionali regate sul Tamigi, offrono un incantevole saggio di scrittura strumentale, che ancora oggi regala grandi suggestioni sia agli esecutori che al pubblico in ascolto.

Il direttore, lo svizzero-italiano Fasolis, è riconosciuto come uno degli interpreti di riferimento per la musica storicamente informata, tra i barocchisti più accreditati a livello mondiale.

Unisce alla versatilità e al virtuosismo un rigore stilistico apprezzato dal pubblico e dalla critica internazionali che lo seguono nei maggiori festival europei ed americani; le sue registrazioni radiofoniche, televisive e discografiche sono diffuse a livello globale ed insignite dei più ambiti riconoscimenti della stampa specializzata (più di 120 produzioni edite dalle maggiori case discografiche internazionali da EMI-Virgin a Naïve e oggi principalmente con Universal Music e Warner Classic).  Ha studiato a Zurigo, Parigi e Cremona conseguendo quattro diplomi con distinzione.

Iniziata la carriera negli anni Ottanta come concertista d’organo, Diego Fasolis ha proseguito l’attività come direttore musicale. In tale veste è stato nominato nel 1993 Direttore stabile dei complessi vocali e strumentali della Radiotelevisione svizzera e dal 1998 de I Barocchisti, orchestra barocca con strumenti storici da lui fondata con la consorte Adriana Fasolis-Brambilla, prematuramente scomparsa, a cui ha dedicato nel 2013 una fondazione benefica per il sostegno di giovani musicisti.

Dal 2011 collabora strettamente con il grande mezzosoprano Cecilia Bartoli in progetti di rinomanza mondiale, registrazioni audio e video ed importanti tour concertistici: l’ultimo di questi è dedicato ad autori italiani e tedeschi presenti negli archivi di San Pietroburgo.  Nel 2011 Papa Benedetto XVI gli ha conferito un dottorato honoris causa per la Musica Sacra. Per il suo impegno nella riscoperta del repertorio operistico ha ricevuto numerosi dischi d’oro e Grand Prix du Disque per opere di Händel e Vivaldi e nel 2013 un Echo Klassic per Artaserse di Leonardo Vinci.

Nel 2014 due nomination ai Grammy awards per quest’opera e per il trionfale progetto Mission con opere di Agostino Steffani e nel 2015 per il progetto St.Petersburg. Dal 2013 è regolarmente presente al Festival di Salisburgo con grandi progetti concertistici ed operistici. La Scala gli affida per il 2016 la creazione di un’orchestra con strumenti originali (Il trionfo del tempo del disinganno nel 2016 e Tamerlano di Händel con Placido Domingo nel 2017).

La Filarmonica Arturo Toscanini, che ha la sua sede a Parma, nell’Auditorium Paganini disegnato da Renzo Piano, è il punto d’eccellenza dell’attività produttiva della Fondazione Arturo Toscanini, maturata sul piano artistico nella più che trentennale esperienza dell’Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna e nell’antica tradizione musicale che affonda le proprie radici storiche nell’Orchestra Ducale riordinata a Parma da Niccolò Paganini nel 1835/36.

Oggi una delle più importanti orchestre sinfoniche italiane, la Filarmonica si è esibita sotto la guida di direttori del calibro di Charles Dutoit, Eliahu Inbal, Lawrence Foster, Rafael Fruhbeck de Burgos, Gianluigi Gelmetti, Michail Jurowski, Dmitrij Kitajenko, Yoel Levi, Lorin Maazel, Kurt Masur, Zubin Mehta, Georges Prêtre, Mstislav Rostropovich, Jeffrey Tate e Yuri Temirkanov. Consensi entusiastici di pubblico e critica hanno salutato debutti e ritorni nelle maggiori sale da concerti di tutto il mondo in città quali Washington, New York, Parigi, Madrid, Barcellona, Amburgo, Mosca, Lucerna, Budapest, Bucarest, Varsavia, Gerusalemme, Tel Aviv, Tokyo, Pechino.

Tra i numerosi solisti di cui la Filarmonica Arturo Toscanini vanta la collaborazione vanno citati: Salvatore Accardo, Anna Caterina Antonacci, Ramin Bahrami, Stefano Bollani, Ian Bostridge, Mario Brunello, Stanislav Bunin, Lucio Dalla, Mariella Devia, Placido Domingo, Isabelle Faust, Paolo Fresu, Juan Diego Flórez, Sonia Ganassi, Natalia Gutman, Sharon Isbin, Steven Isserlis, Ton Koopman, Sergej Krylov, Ute Lemper, Andrea Lucchesini, Misha Maisky, Shlomo Mintz, Mike Patton, Ivo Pogorelich, Vladimir Spivakov, Uto Ughi, Jean-Yves Thibaudet, Maxim Vengerov.

Dal 2006 ad oggi si sono così avvicendati con vibranti successi sul podio della Filarmonica Arturo Toscanini i nomi di Kazushi Ono, che ne è stato Direttore ospite Principale tra il 2012 e .il 2015, Vladimir Jurowski, Carlo Rizzi, Tugan Sokhiev, Juraj Valcuha, Tomas Netopil, Rinaldo Alessandrini, Michele Mariotti, Wayne Marshall, Tan Dun, Asher Fisch, Stéphane Denève, Pietari Inkinen, Roberto Abbado, John Axelrod e James Conlon. Dal giugno 2014 Francesco Lanzillotta è stato nominato Direttore Principale.

Negli ultimi anni la Filarmonica Toscanini è stata in tournée in Cina, Svizzera, Germania. Nel corso del 2015 si è esibita in Austria, al Festival Estate Carinziana di Villach, e in Svizzera. Dal 2007 essa è l’orchestra residente del Concorso Internazionale di Direzione d’Orchestra Arturo Toscanini e dal 2012 è partner artistico del Festival Verdi di Parma.

Il 27 gennaio 2016, presso la Sala Santa Cecilia dell’Auditorium di Roma e in diretta su RAI5, ha tenuto, diretta da Yoel Levi, il concerto nazionale a ricordo della Giornata della Memoria, onorando così il lascito civile e l’impegno politico di Arturo Toscanini a favore della libertà e dei musicisti ebrei perseguitati e contro ogni forma di tirannia.

Dal gennaio 2017 l’Orchestra si è trasferita nella sua nuova sede, il Centro di Produzione Musicale Arturo Toscanini, situato nel Parco Eridania, a pochi metri dall’Auditorium Paganini.

Il giovane direttore inglese Alpesh Chauhan è stato nominato Direttore Principale dell’orchestra a partire dal settembre 2017.

Per informazioni e biglietti: Biglietteria del Teatro Municipale di Piacenza, via Verdi 41
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: