Chiudi X
PiacenzaSera - Notizie, Cronaca, Sport, Politica di Piacenza
21 giugno 2014
Pronto Soccorso, ogni anno 110mila accessi: "Punto di riferimento per i cittadini"
21 giugno 2014
Il punto di incontro in Largo Battisti
Il punto di incontro in Largo Battisti
Il punto di incontro in Largo Battisti
Il punto di incontro in Largo Battisti
110mila visite ogni anno, un terzo della popolazione di riferimento. Sono i numeri dell’attività dei pronti soccorsi della Provincia di Piacenza, dati ribaditi in occasione della Settimana del Pronto soccorso, una iniziativa di informazione promossa su tutto il territorio nazionale da medici e infermieri che aderiscono a SIMEU (Società italiana medicina emergenza-urgenza).


Per tutta la mattinata il personale del pronto soccorso di Piacenza è sceso in Piazza, con un punto di incontro in Largo Battisti (in collaborazione con Anpas, Croce Rossa e Gruppo Accoglienza Pronto Soccorso) che ha ricevuto la visita anche del sindaco Paolo Dosi, per presentarsi ai cittadini: coinvolgere e informare per aprire un confronto con la cittadinanza in luoghi inconsueti per l’emergenza. Perché si aspetta in pronto soccorso? Come funziona? A cosa è dovuto il sovraffollamento? Come funziona la rete dell’emergenza sanitaria? Quali sono le malattie tempo dipendenti?


"Il pronto soccorso di Piacenza - spiega Andrea Magnacavallo neo-eletto presidente regionale SIMEU Emilia Romagna e primario a Piacenza - è una struttura molto complessa e un punto di riferimento per tutta la popolazione". "Del numero complessivo degli accessi - sottolinea - meno del 20% riguardano gravi urgenze; un terzo degli accessi sono per traumi, dagli incidenti stradali a quelli sul lavoro, mentre un altro un terzo riguardano casi che hanno una rilevanza sociale".


Solo per il 15-16% degli accessi si procede al ricovero: "Ciò significa che nella stragrande maggioranza dei casi diamo una risposta concreta al bisogno di salute dei cittadini, che vengono dimessi in sicurezza dopo tutti gli esami e gli accertamenti del caso; spesso dietro ad un’attesa vi è un periodo di osservazione voluta per cercare di capire meglio il problema".


"Il pronto soccorso è anche vostro", questo uno dei leit motiv della giornata. Tanti i cittadini che si sono presentati in Largo Battisti anche per portare le loro esperienze, positive o negative: "Qualcuno - aggiunge Magnacavallo - ci ha detto di aver fatto una lunga attesa, me c’è anche chi mi ha voluto ringraziare: "Dottore, lei mi ha salvato la vita". Questo per noi è un gran regalo". Domani, domenica 22 giugno, appuntamento dalle ore 9 alle ore 13 in piazza Garibaldi a Castelsangiovanni.
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: