Il sindaco Reggi a sostegno dei Teatri di Tradizione

Anche il sindaco di Piacenza Roberto Reggi ha firmato l’appello promosso dall’Associazione teatri italiani di tradizione volto a chiedere il rifinanziamento del Fondo unico dello spettacolo (Fus) per il 2011

Più informazioni su

Anche il sindaco di Piacenza Roberto Reggi ha firmato l’appello promosso dall’Associazione teatri italiani di tradizione volto a chiedere il rifinanziamento del Fondo unico dello spettacolo (Fus) per il 2011. “A dispetto di una comunicazione mediatica unidirezionale verso i grandi teatri d’opera – si legge nella nota sottoscritta dal primo cittadino – e della destinazione del 50 per cento circa del Fondo unico per lo spettacolo alle fondazioni sinfoniche, la lirica in Italia e la sua immagine sono tenute ancora in vita dai teatri di tradizione, da sempre abituati a fare di più e meglio con le scarse risorse a loro disposizione, pari al solo 3.53 per cento del Fus. E’ necessario salvaguardare la rilevanza di tali teatri reintegrando le risorse almeno ai livelli del 2010 (pari a 414 milioni di euro) e procedendo a una radicale revisione strutturale del meccanismo di finanziamento delle attività di spettacolo, nella logica di una ridistribuzione delle risorse pubbliche cogestite dallo Stato, dalle Regioni e dalle Autonomie locali”.

Lo stesso teatro Municipale di Piacenza fa parte della rete dei 28 teatri italiani di tradizione distribuiti in 13 regioni. “Anche il Maestro Riccardo Muti – si sottolinea nella nota – ha auspicato il mantenimento di questa rete produttiva che si estende in tutto il Paese, come garanzia di continuità per un genere musicale in cui si identifica tanta parte della storia d’Italia”. “I teatri – ribadisce la lettera sottoscritta dal sindaco Reggi – non svolgono una funzione solo culturale ma anche sociale, incidendo positivamente sui valori culturali, civili e sociali della comunità e sull’economia locale, grazie anche all’indotto e ai positivi riflessi sul commercio. E’ per questo necessario intervenire per salvaguardare quel legame tra cultura e territorio che costituisce un unicum italiano”.

“La pressante richiesta che inoltriamo – conclude la nota – ha lo scopo di favorire la concorrenza tra i diversi soggetti, indipendentemente dal loro riconoscimento normativo, avendo come obiettivo la diffusione di produzioni liriche di qualità a costi contenuti, e con l’attenzione rivolta più al pubblico che a conservare interessi trasformatisi, col tempo, in veri e propri privilegi”. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.