Quantcast

La Chiesa e la comunicazione digitale, il convegno VIDEO  foto

Celebrato in Curia San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti. "Anche la Chiesa volge il suo sguardo ai nuovi mezzi di comunicazione - ha detto il vescovo Ambrosio - al mondo del web e dei social network che in questi anni hanno rivoluzionato il panorama dell’informazione, anche quella locale.

Più informazioni su

La comunicazione nella cultura digitale. Anche la Chiesa volge il suo sguardo ai nuovi mezzi di comunicazione, al mondo del web e dei social network che in questi anni hanno rivoluzionato il panorama dell’informazione, anche quella locale. E’ l’importante dato di novità che ha voluto mettere in evidenza il vescovo Gianni Ambrosio nel discorso che ha tenuto in Curia in occasione della festa di San Francesco di Sales patrono dei giornalisti. A fondo pagina il video integrale della diretta web di PiacenzaSera.it e il testo del discorso di Ambrosio

Il vescovo Gianni ha ribadito la centralità dell’informazione nella società, "il desiderio di conoscere e di discernere il bene dal male accompagna l’uomo fin dall’inizio della vita sociale".
Ambrosio ha quindi sottolineato l’interesse della Chiesa per la cultura digitale, portatrice di nuove opportunità, ma anche di nuovi rischi. "Il pericolo di una comunicazione – ha fatto notare – sempre più virtuale, che esclude la prossimità e pertanto fa venir meno il mistero della persona". "I consigli della Chiesa – ha proseguito – riguardano la necessità di educare all’uso dei media, allo sguardo critico, all’uso sapiente e responsabile dei mezzi di comunicazione, con particolare attenzione ai seggetti deboli e ai minori: in fatto di comunicare decide anche l’educare". 
L’intervento del vescovo è stato preceduto da quelli di Fausto Fiorentini e dalla vicepresidente dell’Ordine regionale dei Giornalisti Carla Chiappini, quest’ultima ha delineato un quadro poco confortante della professione, con un numero crescente di collaboratori chiamati ad assolvere a un numero maggiori di compiti. "Compiamo un grosso lavoro di controllo sulla situazione a livello regionale – ha affermato Chiappini – e per fortuna a Piacenza la situazione è migliore rispetto ad altre parti d’Italia".
In rappresentanza del sindacato Fnsi ha parlato il giornalista Gianluca Croce annunciando una serie d’iniziative formative destinate alla categoria. 

Sabato 22 gennaio - festa di San Francesco di Sales patrono dei giornalisti. Dalle ore 10.45 nella sala degli affreschi di Palazzo Vescovile il convegno (programma allegato a fondo pagina) sarà seguito in diretta web da PiacenzaSera.it

Sabato 22 gennaio è in programma a Piacenza la festa di S. Francesco di Sales, patrono dei giornalisti.
L’incontro, dedicato al tema “Cambiano i media, ma non cambiano le regole”, avrà luogo nella sala degli affreschi della Curia vescovile in piazza Duomo, 33 a Piacenza alle ore 10.45. Sono previsti gli interventi della dott.ssa Carla Chiappini, vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti dell’Emilia Romagna, del prof. Fausto Fiorentini, direttore dell’Ufficio stampa della diocesi, e del vescovo mons. Gianni Ambrosio.
Alle 12.15 mons. Ambrosio celebrerà la messa nella cappella del Palazzo vescovile; al termine, aperitivo.

Durante l’incontro è prevista la premiazione del concorso giornalistico “Un popolo in missione” riservato ai bollettini parrocchiali e dedicato alla memoria di don Giuseppe Venturini, direttore de Il Nuovo Giornale e primo segretario della Federazione Italiana Settimanali Cattolici.
 

Watch live streaming video from cpilive at livestream.com

IL DISCORSO DEL VESCOVO

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.