Si spengono le luci. E il Gotico diventa tricolore foto

Anche Piacenza ha aderito alla campagna “M’illumino di meno” promossa dal programma radiofonico di Radio 2 “Caterpillar” in occasione della giornata internazionale del risparmio energetico.

Si spengono le luci e il Gotico diventa tricolore. Anche Piacenza ha aderito alla campagna “M’illumino di meno” promossa dal programma radiofonico di Radio 2 “Caterpillar” in occasione della giornata internazionale del risparmio energetico: alle 18, così come accaduto in tutta Europa, anche piazza Cavalli e altri significativi monumenti cittadini a partire da palazzo Farnese e dalla cinta della mura sono rimasti al buio.
 
Particolarmente suggestivo palazzo Gotico, sul quale è stato proiettato il tricolore in onore dei festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia.

“Oltre all’atto simbolico dello spegnimento dei monumenti – ha spiegato l’assessore all’ambiente Pierangelo Carbone – la giornata del risparmio energetico è anche il modo per ricordare ai cittadini che tra pochi giorni aprirà il nuovo bando per gli incentivi comunale per l’installazione di impianti fotovoltaici. La somma messa a disposizione sarà di circa 35 mila euro”.

 Dal 2008 al 2010 il Comune di Piacenza ha erogato 93 mila euro di incentivi, per un totale di 801 mila euro di investimenti complessivi effettuati nel nostro territorio (708 mila finanziati da privati cittadini). Nei tre anni sono stati ridotti di circa 90 tonn/anno le emissioni di CO2 nell’aria.

Il sindaco Reggi tra i 150 primi cittadini al castello di Rivoli con Caterpillar

C’era anche il sindaco di Piacenza Roberto Reggi, oggi, tra i 150 primi cittadini riuniti al castello di Rivoli, dove è andata in onda la diretta radiofonica e web della trasmissione Rai “Caterpillar”, dedicata all’iniziativa “M’illumino di meno” ideata e promossa dal programma stesso.

Indossando la fascia tricolore, gli amministratori comunali provenienti da tutta Italia hanno letto e sottoscritto il seguente giuramento: “Noi, sindaci del risparmio energetico, oggi convenuti nello storico Castello di Rivoli, addì 18 febbraio 2011, proclamiamo ufficialmente di credere nell’importanza del risparmio delle risorse e nella possibilità di produrre energia con la forza del sole, dell’acqua e del vento e della terra; di credere nel progresso scientifico e tecnologico e nella sua capacità di rendere le fonti rinnovabili sempre più efficienti ed efficaci; di credere nell’intelligenza dell’uomo e degli amministratori locali, e nella loro volontà di operare per il bene comune presente e futuro.E in qualità di difensori della sobrietà, di paladini dell’efficienza e di campioni della sostenibilità ambientale, forti del mandato ottenuto dai nostri cittadini, e consapevoli dell’importanza dell’ atto che compiamo,solennemente ci impegniamo a garantire alle generazioni a venire un futuro salubre, rispettoso della natura e degli ecosistemi nei quali ci troviamo a vivere e a compiere ogni atto utile al raggiungimento di questo obiettivo.E affidando il nostro impegno imperituro alle onde di Caterpillar, nell’etere illuminato di Radio2, lo iscriviamo a futura e sempiterna memoria nelle pietre di questo castello”.
“Non si è trattato solo di un gesto dalla significativa valenza simbolica – commenta Roberto Reggi – né di una mera dichiarazione di intenti: ai sindaci è affidata la grande responsabilità di garantire, sul proprio territorio, il rispetto dell’ambiente e la diffusione di una nuova cultura della sostenibilità, che può e deve partire dalle abitudini quotidiane dei singoli cittadini, ma chiama in causa anche la serietà e la coerenza delle istituzioni nel compiere scelte urbanistiche, infrastrutturali ed ecologiche di un certo tipo. Piacenza, oggi, ha dato un esempio positivo in tal senso, presentando alla città il forte investimento nelle energie rinnovabili e nella riduzione dei consumi, che parte proprio dagli edifici pubblici”.
 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.