Elezioni Rottofreno, il Pd propone le primarie di coalizione

Elezioni primarie di coalizione da tenersi il 20 marzo prossimo per designare il candidato a sindaco di tutto il centrosinistra per il Comune di Rottofreno

Più informazioni su

Elezioni Rottofreno, l’assemblea del circolo del Partito Democratico propone le primarie di coalizione per la scelta del successore del sindaco uscente Giulio Maserati.

Elezioni primarie di coalizione da tenersi il 20 marzo prossimo per designare il candidato a sindaco di tutto il centrosinistra per il Comune di Rottofreno. E’ la proposta formulata al termine dell’assemblea degli iscritti del circolo del Partito Democratico che si è tenuta ieri sera e che verrà sottoposta alle altre forze politiche dello schieramento. Durante la riunione, alla quale hanno partecipato su delega della direzione provinciale, Nino Beretta e Silvio Bisotti, è stato delineato l’iter e il regolamento delle consultazioni, che sarà a breve proposto anche agli altri partiti per l’approvazione definitiva. “La scelta di tenere le primarie di coalizione – afferma Bisotti – va nella direzione della democrazia e dell’apertura alla società civile di Rottofreno, il futuro candidato a sindaco potrà così ottenere una vasta legittimazione e il sostegno dell’intera coalizione. Dopo le tensioni delle settimane passate, credo che sia stato dato un segnale positivo e importante, nella direzione della partecipazione e dell’ascolto dei cittadini. Alle forze del nostro schieramento proporremo a breve la costituzione di un comitato elettorale, promotore delle primarie  con funzioni di garanzia dell’intero percorso e delle elezioni. L’ipotesi prevede la fissazione di un termine per la presentazione delle candidature, corredate da 50 firme di elettori del centrosinistra residenti a Rottofreno. Per candidarsi non sarà necessario essere iscritti a un partito. Al comitato spetterà definire le regole della consultazione, noi proporremo che alle primarie possano esprimersi anche i sedicenni e i cittadini stranieri con regolare permesso di soggiorno residenti nel Comune, in un’ottica di ampia partecipazione”.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.