Quantcast

Fuori porta, il volto di Otzi esposto a Bolzano

Due artisti olandesi hanno ridato vita, ricostruendo il viso con l’ausilio di modelli 3D del cranio e di immagini a infrarossi e tomografiche. 

Più informazioni su

Media statura, esile ma nerboruto, viso scarno e spigoloso, baffi e barba lunga, pelle bruciata dal sole. A guardarlo in faccia potrebbe sembrare Rasputin da vecchio, il monaco-santone dell’ultimo zar di Russia Nicola II. O forse sembra l’identikit di un contadino qualunque, se non fosse che l’uomo in questione ha 5.300 anni e che parliamo di una vera fotografia. E’ il ritratto del volto dell’Uomo di Similaun, Ötzi per tutti, al quale a 20 anni dal ritrovamento della mummia sui ghiacciai delle Alpi dell’Ötztal, tra Italia e Austria, gli artisti olandesi Adrie e Alfons Kennis hanno ridato vita, ricostruendo il viso con l’ausilio di modelli 3D del cranio e di immagini a infrarossi e tomografiche. 

La mostra temporanea Ötzi20 aprirà al pubblico martedì 1 marzo 2011, e illustra il passato ma soprattutto il presente della mummia dell’Età del rame ormai divenuta parte del nostro immaginario. Dalle più recenti scoperte scientifiche all’Ötzi oggetto di approcci esoterici, a quello protagonista di operazioni di marketing o di fantasiosi reportage giornalistici, Ötzi20 fissa un’ “istantanea dinamica” sull’impatto che l’Uomo venuto dal ghiaccio ha su noi contemporanei.

Al primo piano sara’ visibile la mummia vera e propria, col suo corredo, e vi sara’ anche uno spazio nel quale sara’ possibile osservare piu’ da vicino il sistema di conservazione al corpo mummificato del protagonista della mostra. Il secondo piano viene dedicato alla scienza: la nuova ricostruzione di Otzi, ma anche la riproduzione dell’ambiente in cui viveva. Al terzo piano, infine, le curiosita’: le ipotesi fantasiose, il marketing piu’ strano, fino alle storie delle persone che si credono la reincarnazione di Otzi.

Info: http://www.bolzano.net/oetzi-museo-archeologico.htm
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.