Quantcast

Guerra, profughi e Nazioni Unite a Sant’Ilario con la Croce Rossa

Ospiti dell’incontro, moderato da Giulio Laurenzano del Cri, due esperte (inter)nazionali nel settore immigrazione, profughi e rifugiati: l’avvocato Marzia Como, che si occupa di Studi Giuridici sull’immigrazione, e l’avvocato Francesca Paltenghi

Più informazioni su

Guerra, profughi e Nazioni Unite a Sant’Ilario con la Croce Rossa

“Tunisia, Egitto, Libia, Siria: emergenza umanitaria, incertezza bellica e coinvolgimento della società civile”. Così la Croce Rossa (Cri) ha intitolato il dibattito di ieri sera al Sant’Ilario.
Ospiti dell’incontro, moderato da Giulio Laurenzano del Cri, due esperte (inter)nazionali nel settore immigrazione, profughi e rifugiati: l’avvocato Marzia Como, che si occupa di Studi Giuridici sull’immigrazione, e l’avvocato Francesca Paltenghi, funzionario nell’Alto Commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr). In platea anche l’assessore comunale Giovanna Palladini, e i vertici della Croce Rossa locale (Gabriele Salvini e Domenico Grassi).

All’indomani dei bombardamenti italiani in Libia e della condanna da parte dell’Unione europea alla politica migratoria dell’Italia (in particolare sul reato di clandestinità), le relatrici hanno spiegato il quadro normativo in cui si inseriscono i diritti umani in contesto di guerra e la situazione reale nel paese registrata dalla massima organizzazione mondiale.
Grande banco di prova per la giustizia e la nascente giurisdizione universale è il caso libico e le sue conseguenze che rendono centrale il rispetto del diritto umanitario. “Questa branca del diritto internazionale è in realtà la base o il quadro normativo e etico dei diritti umani che a loro volta sono il pilastro del diritto internazionale: l’architettura generale è la protezione della persona in quanto portatrice di valori individuali e universali”, ha ricordato Marzia Como.

Il valore della Dichiarazione dei Diritti Umani, in tempi di operazioni militari occidentali in Nordafrica, è stata ricordata dalla funzionaria Onu:”I diritti umani sono assoluti e inestinguibili, mi sembra assurdo che l’Italia e l’Europa non riescano a ospitare qualche decine di migliaia di profughi”. Francesca Paltenghi ha ricordato, in appendice, anche le attività dell’Unhcr che ha segnalato, finora, 100,000 sfollati in Libia. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.