Quantcast

Non riesce il miracolo alla Rebecchi: Pesaro la condanna alla A2 

Non riesce il miracolo alla Rebecchi Nordmeccanica Piacenza, a cui serviva la vittoria contro la fortissima Pesaro per difendere il decimo posto in classifica ed evitare la retrocessione in serie A2

Più informazioni su

Rebecchi Nordmeccanica – Scavolini Pesaro 0-2 (21-25; 17-25; 15-25)
Non riesce il miracolo alla Rebecchi Nordmeccanica Piacenza, a cui serviva la vittoria contro la fortissima Pesaro per difendere il decimo posto in classifica ed evitare la retrocessione in serie A2. Le marchigiane non regalano nulla e si impongono con facilità al PalaFranzanti (0-3), mentre la concorrente diretta delle piacentine, Castellana Grotte, si impone senza difficoltà a Pavia (0-3). Ritorno in seconda divisione dopo due stagioni per le ragazze di Chiappafreddo, penalizzate da un girone di ritorno disastroso.
 
La stagione finisce nel modo peggiore

Partiam dalle cose belle: il Pala Franzanti è stato affollato da 1928 spettatori, quasi al limite della capienza, e per la prima volta una partita di volley femminile a Piacenza è stata arbitrata dalla celeberrima coppia di arbitri internazionali Saltalippi-Santi, che tante volte abbiam visto dirigere partite ai massimi livelli mondiali. E poi c’erano la RAI e Eurosport a trasmettere in diretta in Italia e in altre 45 nazioni.
Per il resto tutto è purtroppo andato secondo pronostico, e la stagione è finita nel modo peggiore possibile con una nuova retrocessione. Superati da Perugia per un solo punto in classifica dopo 22 partite.

LA CRONACA

Pesaro fa subito sentire la sua forza ma Piacenza tiene il ritmo, e anche quando si trova sotto di quattro punti (14-18)  riesce a rimontare fino al pareggio, ma dal 18 pari è Pesaro che progressivamente si impone fino al 21-25 finale.
Nel secondo set Piacenza va subito al comando, ma sul 5-3 arriva la reazione di Pesaro che ribalta il risultato: 5-9. Piacenza prova a riavvicinarsi però Pesaro è incontenibile: finisce 17-25.
È bella la partenza di Piacenza nel terzo set, prima in vantaggio poi superata da Pesaro. Forse l’ultimo guizzo è col mani fuori e col muro cha dal 7-11 portano al 9-11, poi Pesaro resta praticamente padrona del campo. Il 15-25 finale parla da solo.
Il Premio Cantine Valtidone per la migliore in campo va a Manon Flier, spesso inarrestabile in attacco e molto efficace anche in battuta.

LE STATISTICHE

REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA – SCAVOLINI PESARO 0-3 (21-25, 17-25, 15-25) – REBECCHI NORDMECCANICA PIACENZA: Tanturli, Mazzocchi (L), Dall’Ora 5, Dall’Igna 1, Nicolini 7, Scarabelli, Beier 7, Kajalina 2, Tirozzi 7, Brussa 6. Non entrate Borrelli, Catena. All. Chiappafreddo.
SCAVOLINI PESARO: Usic 13, De Gennaro (L), Saccomani 7, Manzano 8, Ferretti 2, Flier 14, Guiggi 8, Pascucci 1. Non entrate Olivotto, Boccioletti Bianca, Usic, Gasimova. All. Tofoli.
ARBITRI: Saltalippi, Santi.
NOTE – Spettatori 1928, incasso 3223, durata set: 25′, 24′, 22′; tot: 71′.
MVP: Manon Flier.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.