Piace, nove punti per la salvezza. Difficile, non impossibile IL PUNTO

Rimangono, pallottoliere alla mano, 8-9 punti da portare a casa, vale a dire due o addirittura tre vittorie.Una data de segnare: domenica 29 maggio, ultima di campionato a Varese. Chi tiene al Piace dovrà esserci

Più informazioni su

Della partita con il Cittadella rimane l’ennesima sconfitta di una primavera da dimenticare per i colori biancorossi. La quinta nelle ultime sei partite, nell’ambito delle quali è stato messo in cascina un solo punto. La terza consecutiva al Garilli, contro avversari non certo trascendentali come Portogruaro, Pescara e Cittadella: un triplo 0-2 che somiglia ad uno 0-6 0-6 nel tennis, un autentico cappotto. Dopo l’illusorio pareggio di Novara, non è riuscita infatti al Piacenza di Armando Madonna l’ennesima inversione di rotta di un campionato fatto di incredibili alti e bassi.

Rimane l’ingiustificabile delitto di aver dilapidato l’enorme vantaggio sulla zona retrocessione maturato con lo splendido avvio di 2011 che aveva portato i biancorossi ad un passo dai playoff. La classifica il 12 marzo diceva così: Livorno 43, Grosseto Pescara e Vicenza 42, Piacenza e Torino 41, Empoli 40, Modena 38, Padova 37, Albinoleffe e Sassuolo 36, Cittadella 35, Crotone 34, Portogruaro 30, Ascoli e Frosinone 29, Triestina 28. Due soli punti di distacco dalla quota playoff, 6 di vantaggio sui playout e addirittura 12 dalla retrocessione diretta in Prima Divisione. Ipotesi che invece appare oggi assolutamente plausibile per un Piace in caduta libera.

Rimane poco da dire sulla partita di venerdì sera, e ben poco da analizzare in merito al momento dei biancorossi. La prova di Novara aveva allontanato il sospetto di un Piace cotto dal punto di vista atletico e della tenuta fisica. Il carattere dimostrato al Piola aveva fatto ben sperare sulla tenuta mentale di una squadra che paga gli sforzi compiuti nelle due grandi rimonte, ma ancora viva. Il rientro di Cacia doveva restituire forza offensiva e togliere ogni alibi alla squadra, rimasta inspiegabilmente lontana parente di quella ammirata nei primi mesi dell’anno. Se la questione non è fisica nè mentale, cos’altro può incidere così pesantemente sul rendimento di una squadra dal tasso tecnico forse non di primissima fascia, ma senza dubbio accettabile?

Rimangono le scelte discutibili di Madonna, che è tornato a puntare su un modulo, il 4-4-2, che non ha mai convinto e certamente non ha portato grandi risultati in passato. L’assenza di Guzman costringeva l’allenatore biancorosso a rivedere l’assetto offensivo, ma le opzioni Sbaffo e Guerra avrebbero permesso di dare continuità al modulo consolidato. In difesa, poi, non si capisce perché non affidarsi a Pietro Zammuto, senza ombra di dubbio il migliore dei centrali in rosa e ancora una volta in panchina: Rickler, ammesso che sia un giocatore di prospettiva futura, è al momento impresentabile, e Gervasoni soffre di preoccupanti amnesie. In mezzo, infine, non convince la coesistenza di Catinali e Cofie in un centrocampo a 4, e la posizione defilata di Bianchi.

Rimangono ora cinque tappe del percorso ad ostacoli intrapreso dai biancorossi per guadagnarsi l’agognata permanenza in serie B. Tre trasferte sui campi di squadre impegnate nella lotta per i playoff (Torino sabato 30 aprile, poi Livorno e chiusura a Varese) e due ulteriori scontri diretti al Garilli contro Sassuolo e Albinoleffe:

Normal
0

14

false
false
false

IT
ZH-TW
HE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:PMingLiU;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:Arial;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

 

GROSSETO 45

ALBINOLEFFE 43

CITTADELLA 43

PIACENZA 42

38 giornata

TRIESTINA

REGGINA

MODENA

TORINO

39 giornata

MODENA

EMPOLI

TRIESTINA

SASSUOLO

40 giornata

REGGINA

ATALANTA

CROTONE

LIVORNO

41 giornata

CROTONE

PIACENZA

ATALANTA

ALBINOLEFFE

42 giornata

ATALANTA

SIENA

PESCARA

VARESE

 

SASSUOLO 42

ASCOLI 40

PORTOGRUARO 40

TRIESTINA 37

FROSINONE 34

EMPOLI

FROSINONE

PESCARA

GROSSETO

ASCOLI

PIACENZA

PADOVA

ATALANTA

CITTADELLA

VICENZA

PADOVA

SIENA

EMPOLI

TORINO

NOVARA

FROSINONE

REGGINA

MODENA

VICENZA

SASSUOLO

REGGINA

TRIESTINA

CROTONE

ASCOLI

LIVORNO

(In corsivo le partite in trasferta – In blù gli scontri diretti, in rosso le partite di grande difficoltà, in arancio quelle di media difficoltà, in verde quelle abbordabili)

Rimangono, pallottoliere alla mano, 8-9 punti da portare a casa, vale a dire due o addirittura tre vittorie. Obiettivo non impossibile a prescindere, ma che diventa un’impresa titanica se si  considerano le ultime uscite dei biancorossi. Le speranze del Piace sono legate alla maggiore affidabilità dimostrata dalla squadra contro le squadre medio-grandi, il recupero della squadra titolare – Graffiedi escluso – con il recupero di Guzman, l’ipotesi concreta che il Livorno sia poco motivato in quanto quasi fuori dai giochi per i playoff alla terzultima giornata e che allo stesso modo a Varese l’ultima i padroni di casa abbiano la testa già agli spareggi. Basterà? Intanto segnatevi una data: domenica 29 maggio, ultima di campionato a Varese. Chi tiene al Piace dovrà esserci.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.