Quantcast

Ricettazione e truffe su Ebay, due denunce dei carabinieri foto

Occhiali, orologi di valore, computer, telefoni cellulari. Tutti oggetti di dubbia provenienza che venivano messi in vendita (ma la truffa spesso era in agguato)  sul sito Ebay a prezzi ribassati sfruttando account creati utilizzando carte di credito fittizie.

Occhiali, orologi di valore, computer, telefoni cellulari. Tutti oggetti di dubbia provenienza che venivano messi in vendita (ma la truffa spesso era in agguato)  sul sito Ebay a prezzi ribassati sfruttando account creati utilizzando carte di credito fittizie.
 
E’ quanto hanno scoperto i carabinieri del nucleo operativo di Bobbio con la collaborazione  della stazione di Rivergaro, che al termine degli accertamenti hanno denunciato due persone per ricettazione.
 
Le indagini, partite alcune settimane fa a seguito di alcuni furti avvenuti in Val Trebbia, hanno portato all’identificazione di due presunti ricettatori, un 65enne pavese ed un 34enne di Lodi, entrambi pregiudicati: i militari sono intervenuti a Secugnago (Lodi), dove la coppia si era data appuntamento probabilmente per trattare lo scambio di alcuni oggetti. Nell’auto del più anziano sono stati trovati una cinquantina di paia di occhiali da sole; il 34enne custodiva invece all’interno di una valigetta alcuni orologi di marca del valore di svariate migliaia di euro e una decina di penne Montblanc. Nella sua abitazione sono stati trovati quattro computer portatili, tre telecamere, altrettanti cellulari oltre ad occhiali da sole dello stesso tipo di quelli in possesso del 65 enne, tutto materiale di dubbia provenienza.
 
Nella perquisizione è saltata fuori anche una postepay intestata ad un cittadino albanese: dalle indagini è emerso come molti degli oggetti rinvenuti venissero acquistati o messi in vendita su Ebay, tramite account associati a carte di credito intestate a vari nominativi. Compravendite a quanto sembra che spesso si rivelavano vere e proprie truffe, con oggetti mai spediti o soldi mai pagati, tanto che diversi profili erano stati chiusi dallo stesso gestore del sito. Ulteriori accertamenti sono al momento in corso per risalire alla provenienza della merce recuperata. Da sinistra, nella foto, il Brigadiere Gabriele Renna, il Maresciallo Luigi Maniscalco e l’Appuntato Davide Albenga mostrano la merce sequestrata

Spaccio, denunciato 36enne a San Rocco
 
Una seconda operazione condotta sempre dai carabinieri di Rivergaro e Bobbio, ha portato alla denuncia per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio di un 36enne di San Rocco al Porto. L’uomo, tenuto sotto controllo già da qualche tempo, è stato fermato a Guardamiglio a bordo di una Bmw station wagon: sull’auto i militari hanno rinvenuto tre grammi di cocaina, un coltello ed una mazza da baseball. Altri 35 grammi di hashish, insieme ad un bilancino di precisione e amateriale per tagliare lo stupefacente sono invece stati trovati nella sua abitazione. Il 36enne dovrà rispondere anche di porto abusivo di oggetti atti all’offesa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.