Quantcast

Rifiuti, ok alle nuove tariffe nei comuni: aumenti medi del 2,4 per cento  foto

Assemblea Autorità d’Ambito dedicata al servizio rifiuti questa mattina nella sala consigliare di Palazzo Mercanti a Piacenza: approvati all’unanimità dai sindaci gli adeguamenti tariffari applicati dai comuni e l’estensione dei servizi per l’anno 2011

Più informazioni su

Assemblea Autorità d’Ambito dedicata al servizio rifiuti questa mattina nella sala consigliare di Palazzo Mercanti a Piacenza: approvati all’unanimità dai sindaci gli adeguamenti tariffari applicati dai comuni e l’estensione dei servizi per l’anno 2011.

Il costo complessivo del servizio rifiuti in provincia di Piacenza nel 2011 aumenta del 2,4 % (con una quota del 1,7 % addebitabile all’inflazione e lo 0,7 % dovuto ai servizi aggiuntivi). Alla fine del 2011 si arriverà a superare il 60 % di raccolta differenziata su scala provinciale: un dato importante – ha sottolineato il presidente dell’Ato Roberto Reggi – in un territorio come il nostro dove è attivo un termovalorizzatore”.

La variazione della tassa/tariffa dei rifiuti spetta nel dettaglio ai singoli comuni sulla base dei rispettivi piani finanziari: gli aumenti sono compresi entro un range del + 3 % e – 1 %, salvo i comuni che hanno deciso investimenti specifici. “E’ un’operazione – ha affermato Reggi – che va verso l’unificazione delle tariffe dei singoli comuni e che consente di mantenere in equilibrio la situazione finanziaria”.
Nella nostra provincia vige ancora un duplice sistema fra i comuni: alcuni hanno la tassa e altri la tariffa rifiuti. A Piacenza nel 2011 la tariffa aumenterà del 3 per cento. Fra i comuni a tassa l’aumento maggiore dei servizi (ma poi starà al singolo comune decidere se far corrispondere un corrispondente ricaro della tassa per i cittadini) sarà a Borgonovo (+ 5,62 %), mentre il decremento maggiore lo farà registrare Morfasso (-1,31 %). IN ALLEGATO A FONDO PAGINA LE TABELLE DI TUTTI I COMUNI

Ecco nel dettaglio i nuovi servizi in attivazione nel 2011 suddivisi per comune

Comune di Piacenza: estensione del Porta a Porta integrale (indifferenziato, organico, carta) su ulteriori 23.000 abitanti circa, arrivando pertanto ad un totale di 55.000 abitanti così servito.

Comuni di Agazzano, Castell’Arquato e Gazzola: attivazione PAP integrale sull’intero territorio comunale (Agazzano, Gazzola) o nelle principali località abitate (4.000 abitanti per Castell’Arquato);

Comuni di Ponte dell’Olio e San Giorgio Piacentino: ulteriore estensione PAP integrale su complessivi ca. 1.500 abitanti aggiuntivi;

Comuni di Coli, Lugagnano e Travo : attivazione PAP carta su circa 5.900 abitanti.

L’audizione di Gamberale e del presidente dei Iren Bazzano

Al termine dell’assemblea, si è tenuta l’audizione di Vito Gamberale, amministratore delegato del fondo di investimento F2i, che ha acquisito un importante ruolo in Iren, e del presidente di Iren spa Roberto Bazzano.
Gamberale ha presentato il fondo F2i: “E’ il più grande fondo di investimento al mondo nelle infrastrutture. Abbiamo avuto sponsor di grande livello istituzionale e una raccolta di 1852 milioni di euro. Il nostro profilo è istituzionale e non di speculazione”.
 Il presidente di Iren Bazzano ha illustrato l’assetto e le attività di Iren, focalizzandosi sulla gestione del servizio idrico in provincia di Piacenza, dove gli investimenti medi previsti ammontano a circa 15 milioni all’anno.  “Nel 2015 Iren ha l’ambizione  – ha affermato – di diventare il primo operatore nazionale per volumi idrici distribuiti, Iren investirà nel settore idrico entro il 2015 un miliardo di euro, il 45 % degli investimenti complessivi”. 
 

La scheda con le variazioni tariffarie sui rifiuti

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.