Si salvano Cassano e Zammuto, Catinali è irriconoscibile

Le pagelle dei giocatori biancorossi

Più informazioni su

Le pagelle dei biancorossi protagonisti di Piacenza-Pescara di oggi:

CASSANO 6,5: Tra i pochi a salvarsi, rimanda la capitolazione dei suoi con un intervento decisivo su Bucchi. Impotente sulle due reti nella ripresa

ZENONI 5: Sempre meno brillante, dà la sensazione di essersi giocato tutte le cartucce nella stagione invernale. Poco sicuro in difesa e poco presente davanti

ZAMMUTO 6: Il migliore degli uomini di movimento di Madonna, Pietro è uno che tradisce raramente la fiducia dell’allenatore. Uno su cui puntare anche in futuro

GERVASONI 5,5: Il suo lancio lungo rappresenta l’unica fonte di gioco, ma non è una sua colpa. In ritardo su Bucchi nel primo tempo e ingenuo sull’espulsione, ma in generale non sfigura

ANACLERIO 5: Osserva Gessa coordinarsi e battere al volo alle spalle di Cassano, come aveva lasciato spazio al cross per Bucchi nel primo tempo. In calo evidente da tempo, è uno dei problemi

MANDORLINI 5: Un suo tiraccio sbilenco è l’unica conclusione del Piace nel primo tempo e l’immagine che sintetizza la prestazione. Un pò di quantità, pochissima qualità (dal 11 st MARCHI 5,5 Non è al meglio, fa una grande confusione ma riesce se non altro ad arrivare al tiro)

CATINALI 4,5: Irriconoscibile, a tratti indisponente. Gioca con un intensità dimezzata rispetto al periodo in cui aveva girato le sorti del campionato biancorosso. E’ rientrato dai box da tre partite, un rodaggio inspiegabilmente lungo

COFIE 5: Calo fisico, cedimento psicologico o involuzione tattica? Compito di Madonna capirlo al più presto, a noi sembra che in coppia con Catinali il suo rendimento non sia mai stato sufficiente

GUERRA 5: La rete al Crotone non lo ha sbloccato e rischia di rimanere un episodio isolato in un campionato da dimenticare (dal 2 st MEI 5,5: Non commette errori marchiani, ma dopo il suo ingresso la difesa sembra ancora meno sicura)

PICCOLO 5,5: Primo tempo sonnacchioso, poi qualche segnale di risveglio nella ripresa. L’impotenza derivante dal non gioco della squadra lo porta ad accentuare il suo difetto di provzare a tutti i costi l’uno contro tutti. Madonna lo toglie quando era l’unico che sembrava in grado di creare qualcosa

CACIA 5: Era atteso come il salvatore della patri, e forse le responsabilità gli sono pesate non poco. La squadra non lo assiste, ma lui fa poco per cambiare la partita. Peccato, perchè una progressione isolata nella ripresa dimostra che sta bene

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.