Quantcast

Avvocato di strada, apre lo sportello alla Caritas foto

“La tutela giuridica delle persone che vivono in strada, o che sono vittime della tratta della prostituzione, persone che hanno diritti come tutti noi, ma che spesso non vengono rispettati”. E’ il compito del nuovo sportello legale per le persone senza fissa dimora presentato dalla Caritas di Piacenza

Più informazioni su

“La tutela giuridica delle persone che vivono in strada, o che sono vittime della tratta della prostituzione, persone che hanno diritti come tutti noi, ma che spesso non vengono rispettati”. E’ il compito del nuovo sportello legale per le persone senza fissa dimora presentato dalla Caritas di Piacenza, in collaborazione con l’associazione "Avvocato di strada onlus" di Antonio Mumolo, nella sala delle colonne della Curia vescovile.

Il direttore della Caritas Giuseppe Chiodaroli ha evidenziato il valore del nuovo servizio: “Una bella notizia questo sportello che sarà aperto presso la sede della Caritas di via Giordani 21, a sei mesi di distanza dal convegno sul fenomeno dei senza dimora; in quell’occasione si ragionò sull’incidenza a Piacenza: nel 2010 i senza dimora censiti sono 324, di cui 170 stranieri. Abbiamo raccolto la disponibilità iniziale di cinque avvocati che gratuitamente presteranno la propria attività a sostegno del servizio. E’ uno sportello che funzionerà anche grazie alla collaborazione delle istituzioni locali e le associazioni”.

Il presidente dell’associazione, l’avvocato Antonio Mumolo ha sottolineato l’importanza del lavoro fatto per arrivare a far partire l’esperienza anche a Piacenza: “Siamo partiti 10 anni fa a Bologna con l’associazione Piazza Grande, ci siamo resi conto che senza l’aiuto di un avvocato una persona che vive in strada difficilmente riesce ad uscire dalla sua condizione. Abbiamo così dato vita al progetto degli avvocati di strada con l’aiuto dei volontari: siamo arrivati a 60 avvocati a Bologna. Da qui abbiamo esteso l’attività ad altre città emiliane e non solo: ad oggi siamo a 20 sportelli in varie città italiane, con 600 avvocati, e ogni anno produciamo un report scaricabile sul nostro sito web. Noi non difendiamo persone indigenti, ma esclusivamente chi vive in strada, nelle stazioni, nei dormitori, persone che non hanno accesso al servizio del gratuito patrocinio. Noi cerchiamo di costruire una rete dei soggetti che aiutano le persone senza fissa dimora in tutti i territorio dove apriamo sportelli”.

Daniele Gardi è stato nominato coordinatore degli avvocati dello sportello di Piacenza: “Ci occuperemo delle problematiche – ha spiegato – molto specifiche delle persone che vivono in strada, che cosa fare nel concreto per dare assistenza. Si è così costituito il gruppo di cinque avvocati volontari, composto dai professionisti Brunello Cherchi, Annamaria Galimberti, Claudio Vermi, Antonio Galluzzo. Il gruppo potrà allargarsi in futuro. Per operare nello sportello è stato concesso dall’Ordine degli avvocati di appartenenza il permesso, perché le prestazioni sono a titolo gratuito. Grazie all’iniziativa di Caritas è stato poi possibile realizzare il progetto”. 

Ogni mercoledì sono previsti gli incontri dello sportello dalle 16 alle 18 nella sede della Caritas di Piacenza. L’assessore comunale Giovanni Palladini ha espresso grande apprezzamento per l’iniziativa: “E’ un’esperienza nata dal lavoro di Caritas, che ha perseguito con grande impegno l’obiettivo di far partire questo sportello; il Comune troverà un riferimento fondamentale nell’azione degli avvocati di strada, credo che troveremo risposte ad alcune domande che non riusciremmo altrimenti ad affrontare”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.