Quantcast

Boiardi-Paparo, polemica sulla scuola piacentina

"Nei giorni scorsi la presentazione del rapporto, che vede il precipitare della Provincia di Piacenza dal 4^ posto nazionale conseguito nel 2007 al 27^ di oggi, nel 2011". Lo fa notare il consigliere provinciale Gianluigi Boiardi (Insieme per un nuovo Ulivo).

Più informazioni su

“La più prestigiosa delle riviste del settore scuola, Tuttoscuola, ogni 4 anni pubblica un rapporto sulla qualità del sistema scolastico sul territorio sfruttando quasi 100 indicatori. Un lavoro serio, fatto da specialisti e incrociato con una mole impressionante di dati. Nei giorni scorsi la presentazione del rapporto, che vede il precipitare della Provincia di Piacenza dal 4^ posto nazionale conseguito nel 2007 al 27^ di oggi, nel 2011". Lo fa notare il consigliere provinciale Gianluigi Boiardi (Insieme per un nuovo Ulivo).

Un retrocessione vera e propria. E non è una semplice questione di maggiori o minori finanziamenti. Dalla dispersione scolastica agli investimenti sulle strutture, dalla generalizzazione della scuola dell’infanzia alla valorizzazione delle autonomie scolastiche, dal sostegno all’orientamento alla qualificazione dell’integrazione tra istruzione e formazione professionale, tutta una serie di elementi su si era riversata molta attenzione e privilegiato la qualità dei fatti alla retorica delle parole, cede ora il passo – come si evince dal rapporto – all’ordinaria gestione burocratico/amministrativa, che da un lato strizza l’occhio agli scempi delle pseudo riforme ministeriali e dall’altro fa finta di non sapere e non vedere gli effetti dei tagli del governo sul sistema scolastico, molto pesanti in questi anni anche per Piacenza e le sue scuole.

Già un approfondito studio della Fondazione Agnelli aveva evidenziato come in Italia il fattore "Territorio" sia, diversamente da altri paesi europei, l’elemento decisivo per la qualità degli apprendimenti e la qualificazione del sistema formativo nel suo complesso, perchè dice della volontà di costruire un futuro ricco di opportunità e di prospettive per i giovani.
La risposta a Piacenza la stiamo avendo: purtroppo nel senso contrario a quello che tutti vorremmo. E la dequalificazione del sistema scolastico è una risposta inaccettabile.
Occorre un cambio di marcia. Meglio, un cambio di politica. Altro che giunta "del fare", qui siamo davvero al "disfare", e siamo solo a metà mandato”.

La replica dell’assessore provinciale Andrea Paparo

"Alle dichiarazioni rilasciate dal consigliere provinciale Gianluigi Boiardi riguardo la classifica di Tuttoscuola – commenta l’assessore Andrea Paparo – ha già dato risposta esaustiva, dettagliata e convincente l’assessore regionale all’Istruzione Patrizio Bianchi che ha tracciato un quadro realistico della situazione della scuola nella nostra regione e nella nostra provincia quando afferma che "Il paradosso è costituito dal fatto che Piacenza, come tutte le altre province emiliano-romagnole, si trova in posizione svantaggiata in classifica per aver virtuosamente applicato da subito la scelta degli accorpamenti".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.