Quantcast

Diario della Staffetta dell’Amicizia: tappa a Valencia foto

Il diario del fotografo Prospero Cravedi, al seguito degli atleti che partecipano alla staffetta dell’Amicizia, che da Piacenza arriverà in Spagna a Plasencia.

Più informazioni su

Il diario del fotografo Prospero Cravedi, al seguito degli atleti che partecipano alla staffetta dell’Amicizia, che da Piacenza arriverà in Spagna a Plasencia.

La staffetta del gruppo Piacentino, che partita da Piacenza arriverà a Plasencia in Spagna, è giunta ad Alicante dopo avere percorso oltre 300 km, da Vinaros, una località sul mare, e fatto sosta nel camping "Allegria del Mar", che come i precedenti era pulito e a prezzi buoni. Condotto da una intera famiglia spagnola, ci hanno fatto una ottima paella, per tutti al modico prezzo di 8 euro a persona, risparmiando ai nostri cuochi una lavorata , e, probabilmente, con risultati migliori.

Quindi questa mattina sveglia abbastanza presto, almeno per il nostro camper, e partenza appena dopo le sette verso Valencia, che raggiungiamo dopo due ore. Una città stupenda che abbiamo filmato e fotografato per documentare il nosto viaggio, oltre che per l’aspetto sportivo anche e soprattutto per quelli culturali e turistici.
 
Valencia, terza città dopo Madrid e Barcellona, con oltre 800 mila abitanti. è una bellisima città, con una storia di oltre duemila anni, fondata dai greci, diventò colonia romana, e gli storici raccontano che il massimo splendore lo raggiunse ai tempi di Augusto. Bellissima la Plaza de Toro, la vecchia stazione, la plazza del mercado central e la cattedrale, severa costruzione gotica, ma con facciata barocca. Ma il cuore nuovo è la citta nella città, il polo funzionale, città delle arti e della scienza, dello sport, con l’acquario che attrae milioni di turisti da tutto il mondo dando una grande ricaduta economica su tutta la città. Questa nuova città proiettata nel futuro, costruita lungo il letto del fiume Turia, con lo scopo di porre fine alle numerose

innondazioni che colpivano la Valencia. Il tutto realizzato dal grande architetto Santiago Calatrava, nato sessanta anni fa proprio a Valencia, noto per i suoi famosissimi ponti, ha dato vita a una sensazionale opera architettonica, che rende questa città una del più belle del mondo. Il ponte è un sogno e a noi piacentini fa dire che con il nuovo ponte del Po abbiamo perso una grande occasione, di fare qualcosa d’importante, il nostro ponte è proprio brutto…

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.