Quantcast

Freda parla di risparmio idrico a Wiesbaden. I progetti piacentini 

L'assessore regionale Freda propone alle Regioni europee l'estensione del pacchetto "20-20-20" già previsto per clima ed energia: "la gestione sostenibile delle risorse idriche è un tema strategico che ha bisogno di un rafforzato impegno politico". A Wiesbaden la riunione delle Regione europee aderenti a Water CoRe. Alcuni interventi previsti nel piacentino.

Più informazioni su

Acqua – L’assessore regionale Freda propone alle Regioni europee l’estensione del pacchetto "20-20-20" già previsto per clima ed energia: "la gestione sostenibile delle risorse idriche è un tema strategico che ha bisogno di un rafforzato impegno politico". A Wiesbaden la riunione delle Regione europee aderenti a Water CoRe. Alcuni interventi previsti nel piacentino.

Bologna – Obiettivi tangibili e misurabili anche per la gestione delle risorse idriche, così come già avviene per energia e clima.  E’ la proposta che l’assessore regionale all’ambiente e alla riqualificazione urbana dell’Emilia-Romagna Sabrina Freda ha fatto al  Comitato delle Regioni della Commissione europea. “Quello della gestione sostenibile delle risorse idriche – ha spiegato Freda –  è un tema strategico, al pari di quello energetico, rispetto al quale c’è però bisogno di rafforzare l’impegno e l’azione politica. Per questo ho proposto di includere nell’implementazione della Direttiva quadro sulle acque un “pacchetto 20-20-20” analogo a quello già previsto in campo climatico ed energetico: risparmio idrico più 20%; rinaturalizzazione fluviale  più 20%; investimenti aggiuntivi più  20%. Il tutto, con la scadenza temporale ben precisa del 2020”.

La proposta dell’assessore Freda è stata illustrata a Wiesbaden in occasione dell’incontro delle Regioni che partecipano a   Water CoRe (acronimo di Water scarcity and drough coordinated actions in European regions) il progetto europeo che si propone di individuare misure sostenibili e durevoli per affrontare la scarsità d’acqua, la siccità e gli effetti del cambiamento climatico nelle regioni d’Europa. Oltre ad Emilia-Romagna, Assia (Germania) e Aragona (Spagna) – le tre Regioni coordinatrici -, partecipano a Water CoRe anche la Provincia del Noord-Brabant (Olanda), la Contea dell’Herault (Francia), i Ministeri dell’ambiente di Ungheria e Romania. “Ritengo che Water CoRe sia una grande opportunità non solo per rafforzare il ruolo delle Regioni nell’affrontare le sfide che il cambiamento climatico ci impone, ma anche per tradurre da subito l’esperienza acquisita in iniziative concrete sul nostro territorio. E’ quello che stiamo facendo in Emilia-Romagna – ha spiegato l’assessore Freda, che ha ricordato in particolate i due progetti di invasi a uso irriguo a Rivergaro e Gragnano e il campo pozzi per l’approvvigionamento di acqua potabile di Mortizza, nel piacentino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.