Gragnano ospita l’Atalanta Football Camp per campioni in erba

Scuola di calcio ma anche scuola di vita. Si presenta così l’Atalanta Football che si terrà a Gragnano dal 27 giugno al 2 luglio. L’iniziativa, che vede anche il sostegno dell’amministrazione comunale, è rivolta a campioncini in erba dai 6 ai 14 anni e conta già circa 40 iscritti. 

Più informazioni su

Scuola di calcio ma anche scuola di vita. Si presenta così l’Atalanta Football che si terrà a Gragnano dal 27 giugno al 2 luglio. L’iniziativa, che vede anche il sostegno dell’amministrazione comunale, è rivolta a campioncini in erba dai 6 ai 14 anni e conta già circa 40 iscritti. 

Una proposta che nasce dal gemellaggio tra i settori giovanili della società U.S. Gragnano e Atalanta. “Per la prima volta ospitiamo, come unica realtà in Emilia Romagna, questo stage tecnico e teorico – spiega il direttore generale del Gragnano Alfonso Guida – della durata di una settimana, che vedrà la presenta degli istruttori dell’Atalanta e sicuramente servirà ad alzare il livello di qualità del nostro settore giovanile”. 

“Le due società sono gemellate da anni – aggiunge Roberto Fumagalli, coordinatore tecnico del settore giovanile dell’Atalanta – e questa estate organizziamo questa scuola calcio, aperta a tutti, che nasce con l’obiettivo principale di far divertire i ragazzi e far trascorrere loro una settimana all’insegna del mondo Atalanta, che, dal punto di vista della competenza tecnica nel settore giovanile è ai primi posti in Italia e al quarto in Europa (per quanto riguarda il numero di giocatori che poi sono approdati ai campionati maggiori, ndr). I ragazzi potranno quindi progredire sotto l’aspetto tecnico e fare, per una settimana, la vita di un atleta, sia in campo che fuori. Prestiamo infatti particolare attenzione anche all’educazione alla sportività e la nostra, quindi, è una vera e propria scuola di vita”. 

“Finora abbiamo raggiunto i 40 iscritti, provenienti anche da altre società, ma contiamo di raggiungere i 50 iscritti – afferma Alberto Ballarini, presidente dell’U.S. Gragnano -. Questa iniziativa nasce dalla volontà di fare qualcosa in più per i nostri bambini e i nostri istruttori, ed è stata fortemente voluta dai genitori, che in precedenza dovevano portare i figli nelle scuole calcio di altre regioni. Per i ragazzi l’impegno sarà per tutta la giornata: dalle 8 a mezzogiorno, con pranzo messo a disposizione dall’amministrazione comunale, e poi dopo due ore di pausa, si riprende fino alle 18. Siamo contenti del sostegno dato al paese al nostro settore giovanile, che sta rinascendo ed ha voglia di fare bene”. 

Presenti anche i rappresentanti del Comune di Gragnano, come il sindaco Andrea Barocelli, il vice sindaco Patrizia Calza, l’assessore allo Sport Lorenzo Zaffignani e il vice presidente dell’U.S. Gragnano Maurizio Pinotti. “Abbiamo deciso di aderire a questa iniziativa – spiega Calza – perchè crediamo fermamente nello sport come momento educativo, fondamentale per una crescita serena e nel rispetto delle regole”. 
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.