Quantcast

Judo, ricevuti in Provincia gli atleti del team S. Polo

I ragazzi sono reduci da una nuova entusiasmante prestazione agonistica, domenica scorsa, infatti, hanno conquistato quattro medaglie al 14° trofeo internazionale di Forlì.

Più informazioni su

L’assessore allo Sport Maurizio Parma ha ricevuto oggi pomeriggio in Provincia i giovani atleti dell’Associazione Sportiva Team San Polo Judo, accompagnati dal loro maestro Giancarlo Beretta. I ragazzi sono reduci da una nuova entusiasmante prestazione agonistica, domenica scorsa, infatti, hanno conquistato quattro medaglie al 14° trofeo internazionale di Forlì.

Aurora Battaglia ha conquistato la medaglia d’oro, categoria esordienti B (anni 1997/98); medaglia d’argento per Pratap Orlandi categoria esordienti B (anni 1997/98); e due medaglie d’oro per i cadetti Giulia Trenchi e Andrea Guglielmetti (anni 1995/1996). Particolarmente importante la vittoria di Andrea Guglielmetti che ha vinto tre incontri per ippon (prima del limite) battendo nel primo incontro un atleta cubano candidato alla vittoria finale, nel secondo incontro ha battuto in 40 secondi un atleta italiano e infine il terzo incontro è stato vinto in soli 8 secondi, nei quali il giovane Guglielmetti ha sopraffatto l’avversario di ben 8 kg superiore. 

I risultati conseguiti a  Forlì arrivano dopo una lunga serie di vittorie che hanno visto gli atleti di San polo vincitori di due medaglie d’oro, una d’argento e sei di bronzo al 29° Trofeo Internazionale di Tolmezzo (Udine) dove l’oro è stato vinto da Pratap Orlandi, l’argento da Simone Calamari e i sei bronzi sono andati a Ilenia Loizzo, Aurora Battaglia, Martina Marani, Giulia Ghisoni, Samuele Chiesa e Mirko Finotelli.  Grande apprezzamento per i risultati e per l’impegno sono stati espressi dall’assessore Maurizio Parma.
 
“Sono gli sport considerati minori – ha detto l’Assessore – che ci regalano le soddisfazioni più grandi e che inorgogliscono la nostra provincia. Sport che meritano una attenzione più grande da parte di tutti. La nostra terra è ricchissima di società, impianti sportivi, di giovani promesse talentuose e di preparatori e allenatori capaci che dedicano il proprio lavoro alla crescita  e allo sviluppo fisico e psicologico dei nostri ragazzi, senza gli onori riservati agli sport considerati maggiori o più popolari”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.